MEDITATE

GENTE, MEDITATE !!!

e se siete seguaci della religione rasta potete usare anche l’erba per farlo 😉
La Cassazione ha infatti ritenuto legittimo il ricorso del 44enne di Perugia condannato in appelo per detenzione di marjuana in misura superiore alla dose per uso personale, motivando la sentenza con la considerazione che la religiosa rasta prevede l’uso della marijuana come “erba meditativa, come tale possibile apportatrice dello stato psicofisico inteso alla contemplazione nella preghiera, nel ricordo e nella credenza che l’erba sacra sia cresciuta sulla tomba di re Salomone, chiamato il re saggio, e da esso ne tragga la forza, come si evince da notizie di testi che indicano le caratteristiche di detta religione”.
Al Sunsplash avranno di che festeggiare tutta la notte ! 🙂
It’s all right !

Pubblicato da