LA LENGHE FURLANE

NO JE UN OPTIONAL !

e je de setemane lade (07.07.08) la decision de Consei comunâl di Pordenon di tirâsi fûr de aree là che si metarà in vore la gnove leç regjonâl su la lenghe furlane.
Daûr di cheste decision – al à spiegât il Sindic – a son massime dôs motivazions: une plui di stamp formâl, ven a dî la mancjance di un at formâl dal Comun che al domandàs la inclusion dal teritori inte aree furlanofone; e une plui sostanziâl, cu la preocupazion pai servizis previodûts de leç e pai lôr coscj. Il prin citadin di Pordenon al domande une revision de leç regjonâl sul furlan, orientade plui sui aspiets culturâi che no su chei dai servizis linguistics pai citadins. Par chest – al à zontât – no si podeve rimandâ il vôt di cheste delibare, che e vûl dâ un segnâl fuart ae Regjon par mendâ la leç.”

FURLANS FEVELAIT FURLAN CHE AL E’ ONÔR E NO VERGOGNE !

Fuarce Friûl 😉

Pubblicato da

Un commento su “LA LENGHE FURLANE”

  1. Ciao Manolo

    ho sentito l’intervista del Sindaco di Pordenone a Onde Furlane e mi ha sconcertato la prima motivazione da lui adotta per giustificare la scelta del Consiglio comunale di non far parte dell’area di applicazione della legge regionale sulla lingua friulana. Questa consisteva nel sostenere che a Pordenone c’è troppa gente che non conosce o non parla la lingua friulana per cui non avrebbe senso applicare la legge.
    Anche un bambino delle elementari capirebbe che se una legge di tutela viene fatta è proprio per far fronte a una situazione di crisi altrimenti che senso avrebbe ?
    Voglio sperare che siano stati i problemi economici e non altri a determinare la scelta del Comune di PN altrimenti ci sarebbe proprio da vergognarsi 😉

    Mandi

I commenti sono chiusi.