ODISSEA

D’UN GRAPPOLO D’UVA CHIAMATO TOCAJ

Chi l’avrebbe mai creso che il nostro amato “Tocaj” sarebbe diventato un ricordo del passato e le bottiglie avrebbero cambiato etichetta sostituendo il nome con quello di Friulano Doc. Eppure è stato così . L’origine del Tocaj sembra sia ungherese e quindi il nome spetta a quei vitigni. Ma a rendere la vicenda + appassionante ci hanno pensato i veneti qd hanno deciso di cambiare nome al loro “Tocaj” sostituendolo con Tai. Forse si sono dimenticati che a due passi da casa, in Friuli, “tai” significa tazza di vino ?
Su un articolo de L’espresso si legge che “c’è chi sta lavorando per riaprire il caso con l’Ungheria avendo scoperto che nel 1632 i magiari chiamarono i vitigni di Tocai di origine friulana, Furmint, in onore della baronessa Aurora Formentini che portò in dote «vitti di Toccai 300», quando andò in sposa al conte Adam Batthyany della Contea di Vas”.
Cmq stiano le cose, a volte ci vorrebbe un po’ di buon senso. Essendo l’origine del vitigno così incerta, ed essendo il nome “Tocaj” ormai entrato a far parte della tradizione enologica veneta e friulana, forse sarebbe meglio mantenere il nome in tutte e tre le zone. E così vissero felici e contenti tutti quanti.

Pubblicato da

Un commento su “ODISSEA”

  1. vorrei ricordare che è possibile leggere la storia del Tocaj sul libro-diario:
    Tocaj reportage
    in edicola al prezzo di € 6

    Mandi

I commenti sono chiusi.