Avatar

LINK DIRETTO CON LA NATURA

Avatar è l’ultimo film girato da James Cameron in 3D con una tecnologia da lui stesso sviluppata nell’ambito della sua produzione di documentari. Il film oltre a questa novità non presenta nient’altro di nuovo ma è molto piacevole e come tutti i kolossal che si rispettino porta in scena una bella storia d’amore. Non mancano i soliti cliché americani quali la sigaretta sempre in mano e il bicchierino di whisky per rilassarsi. A parte questo, è molto simpatica l’ironia con cui il regista si diverte un po’ a ridicolarizzare la forza bruta degli americani sempre pronti a sbarcare con le loro truppe in ogni dove.
Su Pandora, un pianeta molto simile alla Terra, c’è un ricco giacimento di Unobtanium, un superconduttore che funziona a temperatura ambiente e che per questa sua caratteristica permetterebbe alla Terra di risolvere i suoi assillanti problemi energetici. Il pianeta è abitato da popolazioni primitive tra cui i Na’vi che vivono su un albero gigantesco immerso nella foresta e posizionato proprio sopra il giacimento + grande di Pandora. L’aria sul pianeta è irrespirabile e così i terrestri si inventano l’avatar cioè una via di mezzo tra un essere umano e un Na’vi che può essere controllato con un link mentale dopo essere entrati in una speciale capsula. Jake Sully è il protagonista maschile del film. E’ un ex-marines invalido che partecipa alla missione dopo la morte del fratello, scienziato, prendendo il suo posto nell’utilizzo dell’avatar.
A Jake verrà affidato il difficile compito di avvicinarsi al popolo dei Na’vi per convincerli ad allontanarsi dal loro albero. Ma il tempo che gli verrà concesso per riuscire nel tentativo sarà molto limitato e alla fine il colonnello a capo della base spaziale deciderà di intervenire con la forza per risolvere il problema. Jake, che nel frattempo aveva superato la prova per diventare un uomo e si era conquistato il cuore di Neytiri, qd si scatena la guerra decide di stare dalla parte del popolo dalla pelle blu e gli aiuta a fronteggiare il possente attacco degli elicotteri e dei robots. Alla fine….
Insomma che dire, una bella zuppa condita con un po’ di Pocahontas, un po’ del Libro della Giungla e un po’ di Apocalypse Now.

Pubblicato da