UNA STELLA

CORONATA DAL BUIO

La poesia è… rammemorare, perchè il poeta dai tempi degli antichi cantori greci ricorda le gesta degli eroi, le guerre, gli amori e li narra in versi. La poesia è  …emozionare, perchè il poeta cerca di superare il limite concettuale delle parole trasformando i versi  in materia viva, ricordo vibrante dentro i nostri cuori.
Con questa premessa è iniziato l’incontro, organizzato dagli alpini al Centro S.Francesco di Cividale, con il poeta friulano Pierluigi Cappello. Un incontro dove l’umanità che traspare dalle poesie lette da Pierluigi si è mescolata al sentimento profondo degli alpini di sentirsi vicini ai propri compagni che si trovano a Herat per far fronte a una guerra senza senso.
Alcune delle poesie lette appartengono al suo ultimo lavoro “Mandate a dire all’imperatore”, con cui ha vinto di recente il Premio Viareggio-Rèpaci 2010, per la poesia.
Un premio che innalza il poeta friulano nell’Olimpo dei poeti contemporanei. E noi di questo siamo molto fieri ma lo siamo ancora di più perchè possiamo sentire il respiro della nostra terra, dei nostri genitori e dei nostri figli nei suoi versi.
Mandi di cûr !

Pubblicato da