Fuarce Friûl

sul puint e svintule bandiere zale/blu !

la patrie dal friul

Un bon proponiment par l’an che e ven al è chel di pandi la nestre identitât furlane, rivant ad ore a vinci la antighe vergogne di fevelâ la mari lenghe in public. Mi auguri che la int cuant che si cjate a scuele, par strade, intai lûcs publics e fasedi un piçul sfuarç e, cjapantle a pet, e feveli par furlan. Ma ancje che o tachin a lei e a scrivi par furlan. Si viodin ator dai libris di storie furlane indulà e je dome la jentrade par furlan, masse pôc par mantignî vive une lenghe, cuant e coventarès sedi scrivile sedi leile in plui di fevelale.
Nus fasarès ancje plasê che intai mass medie, come previodût de leç, a fossin plui spazis par il furlan. Cumò lu si scolte dome par Radio Onde Furlane e 10 minûts par la Rai regjonâl cuant che par altris lenghis minorizzadis i spazis a disposizion a son une vore di plui. Ma par meti in vore chest proponiment e bisugnarès puartâ la sede regjonâl de RAI a Udin e fâ in mût che i gjornaliscj a fossin di marilenghe furlane. Salacor no spindint cetancj bêçs par il teatri Verdi dal cjâf lûc cjarsulin, 14MLN di euros intal 2014 cuant che ae Radio Onde Furlane a vegnin gjavâts 40.000 euros, e invistint in culture furlane fuarte.
Une altre robe cetant triste a je stade la leç finanziarie de gnove zonte regjonâl che e gjave, magari cussì no, i finanziaments par l’insegnament dal furlan intes scuelis, lant cuintri dutis lis leçs di tutele dal furlan ma soredut pandint la politiche de çampe viers de lenghe e de identitât furlane. Par il 2014 il nestri proponiment e sarà inalore chel di domandà che il furlan e vegni doprât cetant che lenghe veicolâr intes scuelis dant la pussibiltàt a ducj di imparâ doprant la lenghe mari.
Ancjemò o vin di bataiâ par il non de nestre regjon. O vin voie che sedi dome Friûl. Parcè che un non al è cetant che cjalâsi intal spieli e viodi ce che o sin. E co o cjalìn intal spieli o viodin il Friûl nuie di plui e nuie di mancul. Par la cuâl lis peraulis Vignesie Julie no o rivìn ad ore a capì ce che e stan a fâ. Il podê di Vignesie al è finît da un toc, e ce che nus reste aromai a son dome i palaçs e par chel che al inten la peraule Julie, no si rive a cjatâ un segn intes cjartis gjeografichis. Par la cuâl o domandìn che la nestre regjon e sedi clamade Friûl e vonde.
Une altre riflession nus imponi chel che al è capitât in Friûl ad un lavoradôr dal Consorzi des Latariis Furlanis, Giuseppe Bassi di Godie, cuant si è gjavât la vite, che altre dî, par vie di un futûr nereôs denant di lui, stant che il Consorzi al è daur a traviersâ une crisi e si previôt che a laràn a cjase un centenâr di lavoradôrs. In Friûl a son aromai cetantis lis fabrichis che a sierin o a riduzin il numar dai dipendents tant che la situazion e devente simpri plui grivie par vie che cetancj lavoradôrs a àn un contrat a scjadince cun paiis une vore bassis. Si che duncje e sarès ore che la cuistion dal lavôr e vignedi cjapade sul seri mudant lis regulis dal zûc e dant la pussibilitât al sisteme di lâ indenant tignint front ae concorence e permitint a cui che al lavore di puartâ a cjase une paie buine par vivi. Ma par cumò, dulà o vin di lâ par cjatâ lavôr ?
E voaltris cuâi proponiments vêso fat pal 2014 ?

Fuarce Friûl !

BON FINIMENT E BON PRINCIPI A DUCJ !
e un an plen di fortune cun buine lune !

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

😎

Maratonina di Udine 2013

la corse plui veloce di dute la Italie

Inte suaze de XIV Maratonine di Udin e jere ancje la corse di 20 km cun i patins a rodelis che e partive da place Zardin Grant a Udin e passave par Felet, rivant fintremai Tavagnà, tornant indaûr par Culugne, passant dongje dal Stadi Friûl, zirant intor dal centri de citât e tornant in place. Ae corse o vin partecipât in dîs ducj dal trop di Udin dal Gru. La corse nus à impegnât a vonde par vie che daur di nô a rivavin chei de maratonine par la cuâl e bisugnave rivâ a fasile dentri di une ore. Chei plui bulos e son rivâts a fâle in 45’/50′ minûts tant che jo o ai impleât une ore, rivant intune cun il prin coridôr dal Kenya che però al coreve a pît, e e rivave a fale intal timp record di 59’06” cuasi volant su la pavimentazion di asfalt.
Ancje nô, come ducj chei che a àn partecipât, o vin voie di dedeâ la nestre corse a Silvia Gobbato, la puare fantate copade dilunc dal troi de “ippovia”, e a dutis lis feminis che a patissin des violencis.

Mandi di cûr, Silvia !

Look at… the photos: Maratonina di Udine 2013

Il gruppo roller udine alla Maratonina di Udine 2013

Agenzia delle Entrate e Inps

ovvero una storia di ordinaria amministrazione pubblica

Tutti sappiamo che l’amministrazione italiana non brilla certo per efficienza ma che si arrivasse fino a questo punto non lo avrei mai pensato…
Questa la storia che è capitata a mia madre. Lei fa la dichiarazione dei redditi con il modello 730 e una parte delle tasse le vengono trattenute direttamente dall’Inps sulla pensione e per la parte restante l’Inps invia un modulo F24 con l’importo che resta da pagare e che non è stato possibile trattenere sulla pensione. Ma alla fine del 2011, quando in novembre è subentrato il governo tecnico e all’ultimo momento sono state modificate le aliquote x calcolare la seconda rata dell’Irpef, l’Inps ha inviato in ritardo il modulo e nella lettera che lo accompagnava si indicava come termine di pagamento il mese di gennaio 2012. Nell’importo da pagare e che costituiva la seconda rata dell’Irpef mi sembra fossero compresi anche gli interessi per il ritardo. Ma adesso a distanza di più di un anno è arrivata una lettera dall’Agenzia delle Entrate dove si dice che per il ritardo del pagamento di quella rata dell’Irpef bisognerà pagare la sanzione + gli interessi. In poche parole le toccherebbe pagare per un ritardo che è imputabile allo stesso Stato, una cosa assurda che spero di riuscire a chiarire quando andrò a parlare in Agenzia questa settimana.
Cmq sembra proprio che facciano di tutto per rendere difficile la vita ai cittadini e che cerchino di approfittare del fatto che in questi casi difendersi non sia facile. Adesso vedremo come andrà.
Se qualche giornalista è interessato a questa storia posso fornire anche tutta la documentazione.

piazza S.Biagio a Cividale del Friuli

😈

Il Cjistielut

… @ Orgnano (UD)

Ogni anno, le Nazioni Unite celebrano l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra (Earth Day), per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali. Il Forum nazionale Salviamo il Paesaggio propone di organizzare insieme – in concomitanza con l’Earth Day mondiale una serie di marce locali per la Terra.

I dati recentemente confermati dall’Ispra parlano chiaro: in Italia otto metri quadrati di terreni vergini vengono ricoperti di cemento e asfalto ogni secondo.

Si tratta di terreno fertile che viene irreversibilmente distrutto, dal momento che occorrono secoli per la sua formazione.

Il consumo di suolo ha aggredito le parti pianeggianti del nostro (ex) Belpaese che, con cadenza regolare, sono investite da gigantesche ondate di acqua non più libera di defluire negli alvei fluviali e punteggiano di frane ed alluvioni il nostro territorio.

L’occupazione di suolo fertile non è motivata dalla crescita demografica: negli ultimi 50 anni il suolo artificiale è cresciuto da 170 a 340 m2 pro capite, raddoppiando nell’arco di due generazioni.

Anche in Friuli Venezia Giulia le cose non vanno diversamente: tra il 1980 e il 2000, le aree agricole sono state fortemente urbanizzate: oltre 5.400 ettari di campi sono diventati superfici urbane pari ad una riduzione del 1,9% dello stock di aree agricole del 1980.

Si tratta di trasformazioni irreversibili e artificiali!

Anche 474 ettari di superfici naturali sono stati urbanizzati, di cui oltre 247 erano boschi. L’urbanizzazione rimane il fattore di pressione più forte contro l’agricoltura. L’indice di copertura percentuale del territorio regionale, nel medesimo periodo, cioè il tasso dell’urbanizzato in Friuli V.G. è stato quasi del 9%.

In generale, tra il 1980 e il 2000, in FVG il suolo urbanizzato è salito di 5.776 ettari (circa +2 città come Udine), il suolo agricolo ha perso 6.482 ettari (pari a -2,2 città come Udine) e il suolo urbanizzato ogni giorno è pari a 8.000 m2, cioè un campo di calcio al giorno!

Di fronte a tutto questo, dobbiamo porci delle domande e fare delle riflessioni:

1. I Piani Urbanistici dei nostri Comuni tengono conto dell’enorme patrimonio edilizio già esistente e non utilizzato, sfitto e vuoto? (purtroppo non è così).
2. Impegnarsi a restituire un “valore” all’attività agricola di tipo sostenibile.
3. Considerare il Paesaggio come risorsa sociale e come fruizione turistica, dunque come opportunità economica.

Per questo, in occasione della Giornata Mondiale per la Terra, è stata organizzata una Marcia, come momento di festa colorata capace di riunire “chi già sa” e “chi intuisce”, ritrovandoci in un luogo simbolico del saccheggio delle risorse rurali della Regione, ad Orgnano, dove nel terreno molto fertile comprendente “il Cjistielut”, c’è stata una mega lottizzazione di circa 70 mila m2 di residenza e di 50 mila m2 di verde di quartiere in un ambito attualmente agricolo.

Look at… the photos: marcia ad Orgnano

foto marcia ad Orgnano

😎

Fieste de Patrie dal Friûl

il leam cun lis nestris lidrîs

La patrie dal Friûl - riviste furlane fuarte

Il 3 di Avrîl dal 1077 e je une date fondamentâl pe storie dal Friûl. In cheste date al nassè di fat il Stât patriarcjâl furlan, ven a stai la Patrie dal Friûl, une istituzion vuidade dal Patriarcje di Aquilee che al tignarà adun fintremai il XVIII secul il Friûl e tancj altris teritoris dongje di chel. Sabide ai 23 di Març 2013 si screin lis manifestazions par celebrâ la Fieste de Patrie dal Friûl inmaneadis de Provincie di Udin dutun cun i Comuns di Dolegne e San Zorç di Noiâr, ma il cûr des iniziativis si varà chest an tal comun gurizan di Dolegne. Domenie ai 7 di Avrîl 2013, aes 11, e vignarà celebrade la Sante messe par furlan e, aes 11.45, e vignarà lete la bole imperiâl di Enrico IV; aes 12 il program al proviôt il salût des autoritâts e la premiazion de seconde edizion dal concors pes scuelis “Emozions furlanis in viaç pal teritori”. Tal dopo di misdì visitis vuidadis tai itineraris storics, turistics dal teritori di Dolegne.
Lungje vite al Friûl libar, simpri !

Zornade Furlane dai Dirits

cumò par radio Onde Furlane

La patrie dal Friûl - riviste furlane fuarte
Vuê ducj i programs inte radio Onde Furlane a son dedeâts ae Zornade Furlane dai Dirits par visâsi di cuant i furlans a lotavin par i lôr dirits, di cuant che a jerin lis comugnis, ven a stai la tiere par ducj come un jutori par vivi, ma ancje par cjalâ indenant e difindi la mari lenghe ce tant che lenghe veicolâr.

O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr

Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

10^ Mezza Maratona Città di Palmanova (UD)

bikers, runners, skaters

Domenica 18 Novembre 2012 @ Palmanova si è corsa la mezza maratona. All’evento hanno partecipato bikers, runners e skaters. Molti i partecipanti provenienti dalla vicina Slovenia e dall’Austria. Questa edizione della corsa ha raggiunto i 3100 iscritti superando così di gran lunga il numero dell’anno scorso, mentre a portare a termine la gara sono stati ben 2837 atleti.
Il tempo era nuvoloso e al mattino presto la temperatura era sottozero. Quando, verso le 8.30, sono sceso dalla macchina ho sentito la morsa del freddo avvolgermi le gambe proprio sopra le caviglie. Per fortuna però non ha piovuto anche se poco dopo la partenza ha cominciato a gocciolare rendendo difficile la corsa agli skaters. Comunque in tre ci siamo organizzati con un bel trenino che ci ha permesso di arrivare al traguardo con un tempo abbastanza buono alla media di 18 km/h. Qualche minuto dopo è arrivato il primo maratoneta, Kemboi Edwin, che ha chiuso il percorso in 01:06:04 mentre tra le donne, Tesolin Francesca del CUS Udine, ha realizzato un bel 01:21:14 mettendo dietro le forti atlete slovene. Anche questa decima edizione si è conclusa nello stupendo scenario di piazza Grande dove erano allestiti i gazebo dei gruppi podistici, dei venditori e il centro logistico x gli atleti.
Sul podio della 1/2 maratona maschile sono saliti tre atleti appartenenti all’Austria, alla Slovenia e all’Italia quasi a premiare la vocazione multilinguistica del Friuli.
A tutti un mandi di cûr!

Look at… the movie: 10^ Mezza Maratona Città di Palmanova (UD) – 2012

Look at... the movie: 10^ Mezza Maratona Città di Palmanova (UD) - 2012

😎

ROLLERFEST 2012

@ UDINE ( North-East of Italy )

Domenica 03.Giu.2012 in piazza 1° Maggio a Udine si è svolta la Rollerfest 2012 organizzata dal Gru. La mattina oltre 250 pattinatori hanno formato un biscione verde che si è snodato lungo le vie del centro città portando un po’ di scompiglio nel traffico mattutino ma anche molta allegria. La corsa, aperta a tutti, ha visto la partecipazione di pattinatori di ogni età e provenienti da tutt’Italia, il gruppo più lontano veniva da Lecce, e tutti animati dalla voglia di divertirsi, di stare insieme e di dimostrare come i pattini possano essere un mezzo sostenibile e utilizzabile in città quanto le biciclette.
L’evento è proseguito nel pomeriggio, dopo il pranzo organizzato in piazza, con alcune esibizioni di cross, jump e freestyle. L’intervento del sindaco di Udine Furio Honsell ha sottolineato l’importanza di questa attività sportiva amatoriale che permette di vivere la città uniti e in modo giocoso.
Verso il tardo pomeriggio il tempo è cambiato e le nubi hanno scaricato tutta l’acqua che avevano trattenuto durante il giorno. Cmq, anche se così le premiazioni sono saltate e so quanto Giovanni ci tenesse, alla fine possiamo dire che è stata una giornata molto bella e il ringraziamento va a tutti quelli che hanno partecipato sobbarcandosi un lungo viaggio per arrivare a Udine ma in particolare un grazie di cuore va al Gruppo Roller di Udine che quest’anno ha fatto veramente un bel lavoro per la riuscita dell’evento.

Mandi di cûr a ducj !

Look at… the video: ROLLERFEST 2012

Rollerfest 2012 @ Udine

😎

EX INCENERITORE

… @ CIVIDALE DEL FRIULI ( UD )

L’ex inceneritore di Cividale del Friuli, in funzione negli anni ’70, è ora in stato di completo abbandono. La pericolosità è davanti agli occhi di tutti come si vede dalla super strada che vi passa accanto e dai campi che lo circondano. Il tetto in eternit è rotto e c’è il rischio che il forte vento disperda i frammenti nei dintorni. E’ importante che l’amministrazione comunale di Cividale del Friuli intervenga subito x bonificare il sito recuperando il manufatto che potrebbe essere riutilizzato x realizzare una struttura sportiva, come, ad esempio, una palestra d’arrampicata.

Look at… the movie: EX-INCENERITORE @ Cividale del Friuli ( UD )

Look at... the movie: EX-INCENERITORE @ Cividale del Friuli ( UD )

😎

LA CRISI DEGLI ASINI

IN TUTTE LE PIAZZE D'ITALIA

Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a € 100 in contanti ogni asino che gli sarebbe stato offerto. I contadini erano effettivamente un po' sorpresi, ma il prezzo era
alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua. L’uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 € per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente, offrì 300 € a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio.
Vedendo che non ne rimaneva nessuno, annunciò che avrebbe comprato asini a 500 € la settimana successiva e se ne andò dal villaggio. Il giorno dopo, affidò al suo socio la mandria che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l’ordine di vendere le bestie 400 € l’una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 €, la settimana successiva tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò, si indebitarono con la banca. Come era prevedibile, i due uomini d’affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fino a sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il corso dell’asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere. Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che se non recuperava i propri fondi, sarebbe stato rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune.
Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore). Eppure quest’ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria, non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio ne quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti.
Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l’aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia. Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti decisero di tagliare le spese: meno soldi per le scuole, per i servizi sociali, per le strade, per la sanità … Venne innalzata l’età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini. Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i due truffatori sono fratelli e vivono insieme su un isola delle Bermuda, acquistata con il sudore della fronte.
Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la campagna elettorale del sindaco uscente.
Questa storia non è finita perché non sappiamo cosa fecero gli abitanti del villaggio.

E voi, cosa fareste al posto loro?
Che cosa farete?

Se questa storia vi ricorda qualcosa, ritroviamoci tutti nelle strade delle nostre città e dei nostri villaggi Sabato 15 ottobre 2011 (Giornata internazionale degli indignati) … e fate circolare questa storiella….

A UDINE in piazza XX SETTEMBRE dalle 15 alle 19…..
ASPETTIAMO ANCHE TE
!!!

Look at... all the pictures

😎

MASSONI

PER CASA

Giovedì 10 Novembre 2011 alle 18.00 presso la libreria Feltrinelli a Udine, in via Canciani 15, verrà presentato il romanzo “Massone per Caso” di Emilio Francesco Graaz, edito da Audax Editrice.
Il libro sarà presentato da Mauro Missana ( direttore di Radio Onde Furlane ) e all’incontro sarà presente l’editore Emanuele Franz.
Il Romanzo-inchiesta, ambientato a Udine, ha come sfondo la realtà della massoneria e dei suoi meccanismi nel mondo della provincia, dalle operazioni di cui si serve per l’affiliazione di un profano alle illecite operazioni di cui si adopera per sedurre gli affiliati ed infine alle Lobby di potere economiche e il controllo sociale.
L’OPERA E’ ISPIRATA COMPLETAMENTE A FATTI VERI in seguito a diverse testimonianze raccolte.
Un romanzo che fa luce su un aspetto oscuro della nostra vita sociale ed economica.

Massone per caso

😎

DAI COSTI STORICI

AI COSTI STANDARD

Il DDL approvato dal Governo nel luglio 2010, che costituisce il secondo decreto di attuazione del federalismo fiscale, introduce un cambiamento molto importante nella gestione della spesa pubblica. Finora gli enti pubblici giustificavano i loro costi in base a quanto avevano precedentemente speso. Così se in una regione si spendeva 1Euro x ogni lenzuolo lavato mentre in un’altra se ne spendevano 2Euro, lo Stato non poteva intervenire perchè la regione + spendacciona si giustificava mostrando i conti degli anni precedenti dove il costo era già superiore ad 1Euro.
Con l'introduzione dei COSTI STANDARD tutte le regioni dovranno adeguarsi ai costi effettivi dei prodotti o dei servizi e non ci potranno + essere grandi differenze tra quanto speso in una regione e in un’altra.
Naturalmente si capisce subito che un simile cambiamento andrebbe a sconvolgere i piani di molti politici corrotti e di molte organizzazioni criminali che da anni succhiano il sangue, è proprio il caso di dirlo, alla Sanità Pubblica. A questo punto sorge spontaneo chiedersi se non sia proprio il federalismo fiscale il motivo che ha portato una certa compagine politica, che sappiamo bene dove prenda principalmente i suoi voti, a togliere il sostegno all’attuale Governo ?

CLIMBING NEWS

ON WEBANDANA SITE

Nel sito webandana.com: the art of climbing in Friuli potete leggere le nuove realizzazioni dei top climbers aggiornate in tempo reale. Il titolo di ogni news corrisponde al nome della via. Ho optato per qs scelta perchè mi sembra che i climbers esprimono il max della loro creatività extemporanea nel nome che danno alle vie.
Ma leggere le news non è solo un modo di conoscere quello che sta succedendo nel mondo dell’arrampicata, è anche un’opportunità x conoscere le falesie intorno al mondo e magari progettare di farci un viaggio.
Inoltre, qd è disponibile, x ogni notizia c’è il link al blog o al sito del climber.
Naturalmente mi piacerebbe che i top climbers mi scrivessero x aggiornarmi direttamente dei loro exploit 😉

Mandi a ducj !

Look at… climbing news

CLIMBING NEWS updated at real time on webandana site

WEDDING SURGERY

LA LISTA DEGLI INVITATI DAL CHIRURGO

Con l’elevarsi dell’età in cui si convola a giuste, si fa x dire , nozze nasce una nuova tendenza importata dagli USA. Si tratta del ricorso al chirurgo plastico prima del matrimonio. Così si chiede ad amici di contribuire alle spese considerandolo come un regalo di nozze.
Mi viene in mente la battuta della mitica Anna Magnani che al truccatore che le chiedeva se voleva nascondere un po’ le rughe del volto rispondeva ” ci ho messo una vita a farmele venire “.
Adesso invece si vuole apparire belli e giovani cancellando i segni del tempo o addirittura del precendete matrimonio e così si ricorre al bisturi ma bisogna stare attenti a non esagerare con le richieste. I casi in cui gli interventi si sono rivelati un vero boomerang x il paziente sono molti. Infatti a qualcuna il seno scoppia dopo pochi mesi, qualcuna invece si ritrova con il volto deturpato o addirittura il fisico in gravi condizioni tanto da rischiare la vita. Questo perchè alcuni medici senza dignità professionale hanno accettato di esaudire delle richieste senza senso. Inoltre è il caso di ricordare che per la nostra legislazione chiunque si sia laureato in medicina e chirurgia e abbia conseguito l’abilitazione di Stato può fare qualunque cosa tranne l’anestesista o il radiologo. Per cui se un medico generico decide all’improvviso di diventare chirurgo lo può fare.
Il bello è che persone che hanno subito deturpazioni del fisico a causa di incidenti preferiscono tenersi i segni sul loro corpo mentre chi ha qualche imperfezione fisica dalla nascita è + portato ad andare dal chirurgo perchè se ne vergogna.
Che dire la nostra mente alle volte ci gioca proprio dei brutti scherzi 🙂

Farie Teatrâl Furlane

il teatro professionale in lingua friulana

Il Teatro Nuovo Giovanni da Udine insieme al CSS Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia organizza una serata, ad ingresso lbero, per lunedì 17.05.2010 alle ore 18.00 dedicata al Teatro professionale friulano.

La serata sarà condotta da da Gigi Dall’Aglio ( regista di Bigatis e La lungje cene di Nadâl ) e verrà proposta una successione di esempi concreti, visibili, tangibili appartenenti al passato prossimo e spunti per futuri progetti possibili. Spezzoni in video tratti da Bigatis scritto da Elio Bartolini e Paolo Patui per la regia di Gigi Dall’Aglio, da Cercivento, di e con Riccardo Maranzana e Massimo Somaglino, e Indemoniate scritto da Giuliana Musso e Carlo Tolazzi, da La lungje cene di Nadâl di Paolo Patui regia di Gigi Dall’Aglio, dal recente Odissee per la drammaturgia e regia di Claudio De Maglio, fino ad arrivare ai Turcs tal Friûl di Pier Paolo Pasolini nella celebre versione curata da Elio De Capitani.
Ma sul palco e dal vivo si potrà assistere anche a brevi remake di Maratona di New York nell’interpretazione del Teatro Incerto e di una innovativa produzione capace di mettere assieme attori di varia provenienza come fu Katzelmacher. Accanto a questi esempi tratti dal repertorio due dimostrazioni di drammaturgia in fieri e volta a future produzioni. Un Uccellacci e uccellini in versione teatrale e un’ipotesi di ricostruzione drammaturgica della straordinaria vita di Pietro Savorgnan di Brazzà.

Di no pierdi ! 😉

Farie Teatrâl Furlane

AREA INDUSTRIALE

DI CIVIDALE E MOIMACCO

Chi va a fare la spesa alla COOP o lavora in una fabbrica della zona sente lo strano odore che ha l’aria. Inoltre è anche ben visibile la montagna di rifiuti altamente tossici che ormai staziona da anni nell’area dell’Acciaieria. Di come risolvere questi problemi se ne parlerà, giovedì 04.03.2010 alle 20.30 presso la sala del Consiglio Comunale di Moimacco (UD), in un incontro sul tema “Polveri sottili e altre problematiche della zona industriale“.
Interverranno:
– Manolo Sicco, Sindaco di Moimacco
– Franco Giordani, assessore all’urbanistica di Moimacco
– Gruppi consiliari di Moimacco
– Walter Franzil, Tecnico esperto in normativa ambientale
– Michele Pizzolongo, Comitato di Tutela e Difesa Ambientale di Cividale e Moimacco
– Elena Gobbi, AdriaticGreeNet
– Luciano Zorzenone, Presidente Cordicom FVG

Un altro incontro molto importante è quello organizzato dal wwf martedì 16 marzo 2010 alle ore 18.00 in Sala Ajace, Loggia del Lionello, a Udine su:
Inquinamento atmosferico e salute. Cosa si sa e cosa si può fare”. Maggiori info le potete leggere nei commenti.

Mi raccomando se ci tenete alla vostra salute non mancate 😉