Costalunga, Pedrosa, Reant

alla riscoperta di antichi borghi

La Pro Loco di Colloredo di Soffumbergo (Faedis, Udine ) ha organizzato una camminata per visitare gli antichi borghi di Costalunga, Pedrosa e Reant sulle colline sopra Campeglio di Faedis e Torreano. In questi ultimi anni questi piccoli nuclei montani sono stati riscoperti e hanno ripreso a vivere grazie alla ristrutturazione delle case e alla cura del terreno circostante. Anche se a Pedrosa la presenza delle antenne, x i segnali tv e di telefonia mobile, posizionate a ridosso delle abitazioni, costituisce una violenza sull’ambiente naturale e sugli abitanti. Mentre i prefabbricati in eternit abbandonati lungo il sentiero che porta a Costalunga mostrano come ancora ci sia poca coscienza della pericolosità, x le persone e x l’ambiente, di un materiale fuorilegge quale l’amianto.
Questi paesi sono nati come insediamenti di famiglie slovene che, tenute a freno dai longobardi al tempo delle invasioni barbariche nel VII sec d.C., si sistemarono su queste colline. Pedrosa ha però, come testimonia il nome, un’origine + antica e quando gli sloveni vi si stabilirono non cambiarono il nome che significa paese delle pietre.
Il sentiero che da Pedrosa porta a Reant, un paesino sopra Torreano, passa lungo una bellissima faggeta dove il verde chiaro delle foglie è veramente meraviglioso. A Reant non sono molte le case ristrutturate ma gli abitanti che sono tornati qui a vivere hanno ristrutturato la chiesa di S.Lorenzo e ogni anno l’11 di agosto organizzano una festa in suo onore con musica e prelibatezze gastronomiche come gli strucchi.

Mandi a ducj !

Look at… the photos: Antichi borghi

Antichi borghi - le foto

😎

PALIO di SAN DONATO 2012

… @ CIVIDALE DEL FRIULI

Il 24-25-26 Agosto 2012 si è svolto a Cividale del Friuli il Palio in onore del patrono della città, San Donato. E’ una tradizione antica, iniziata nel XIV sec, durante la quale tutta la città viene catapultata nel medioevo tra il 1200 e il 1300. Nei borghi si rivive l’atmosfera di quei tempi, in cui abili artigiani lavoravano il legno, la lana, il cuoio, la pietra, i metalli e le pietre preziose e la gente si ritrovava la sera nelle taverne. Durante il Palio i 5 Borghi si sfidano in due gare, la corsa e il tiro con l’arco. Anticamente alle gare vi partecipavano anche cittadini di altre città o castelli e ci si sfidava anche nella corsa con i cavalli. Il momento + coinvolgente è il Corteo che la domenica mattina sfila x le vie del centro e vede impegnati molti cividalesi ad interpretare i nobili e i popolani del medioevo. Ma il momento + suggestivo è la sera quando nelle stradine illuminate dalle candele e circondate dalle antiche mura si respira l’aria di un tempo che sembra non lasciare mai la nostra cittadina in riva al Natisone.
“Il 20 agosto 1368 la magnifica Città di Cividale, decretava che il Palio di San Donato si ripetesse “in perpetuo” confermando così l’importanza della manifestazione per il prestigio della Città, decisione riconfermata nel 1408.
Il Palio si ripete fino al 1797 quando, secondo la tradizione, s’interruppe per l’occupazione napoleonica. Si volle così, nel 2000, ridare vita al Palio e, trattandosi appunto di una rievocazione storica più che secolare, è stato deciso di collocarla nella seconda metà del XIV° secolo, nel periodo in cui governò il Patriarca Marquardo von Randeck (1368-1382). Questo, infatti, è uno dei periodi più significativi del Patriarcato e del Friuli. Il Patriarca Marquardo diede, infatti, un nuovo ordinamento al suo potentato con le “Constitutiones Patriae Forojulienses” che restavano in vigore anche dopo il passaggio del Patriarcato a Venezia.
Il Palio si tiene nel fine settimana più vicina al giorno di San Donato che cade il 21 agosto; attualmente, consiste nelle gare pedestri e di tiro all’arco e balestra.
La competizione si svolge tra i cinque borghi storici entro le mura della città, che sono:

Borgo Duomo: con i colori e stemma della nobile famiglia De Portis;
Borgo Brossana: con i colori e stemma della nobile famiglia Formentini;
Borgo San Domenico: con i colori e stemma della nobile famiglia Canussio
Borgo San Pietro: con i colori e stemma della nobile famiglia Boiani
Borgo di Ponte: con i colori e stemma della nobile famiglia Conti.

stemma Borgo Duomo stemma Borgo Brossana stemma Borgo San Domenico stemma Borgo San Pietro stemma Borgo Ponte

Il Palio è vinto dal Borgo che ottiene più punti con la sommatoria della gara pedestre e quella dell’arco. Il Borgo vincente conserva il Palio costituito da un gonfalone con la figura del Santo, nella Chiesa del proprio Borgo.”
Il sito dedicato è paliodicividale.it

1- Look at… the pictures: Palio di San Donato 2011
2- Look at… the movie: PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli
2- Look at… the movie: PALIO di SAN DONATO 2012 @ Cividale del Friuli

Palio di San Donato a Cividale del Friuli

😎

PALIO di SAN DONATO 2011

… @ CIVIDALE DEL FRIULI

Il 19-20-21 Agosto 2011 si è svolto a Cividale del Friuli il Palio in onore del patrono della città, San Donato. E’ una tradizione antica, iniziata nel XIV sec, durante la quale tutta la città viene catapultata nel medioevo tra il 1200 e il 1300. Nei borghi si rivive l’atmosfera di quei tempi, in cui abili artigiani lavoravano il legno, la lana, il cuoio, la pietra, i metalli e le pietre preziose e la gente si ritrovava la sera nelle taverne. Durante il Palio i 5 Borghi si sfidano in due gare, la corsa e il tiro con l’arco. Anticamente alle gare vi partecipavano anche cittadini di altre città o castelli e ci si sfidava anche nella corsa con i cavalli. Il momento + coinvolgente è il Corteo che la domenica mattina sfila x le vie del centro e vede impegnati molti cividalesi ad interpretare i nobili e i popolani del medioevo. Ma il momento + suggestivo è la sera quando nelle stradine illuminate dalle candele e circondate dalle antiche mura si respira l’aria di un tempo che sembra non lasciare mai la nostra cittadina in riva al Natisone.
“Il 20 agosto 1368 la magnifica Città di Cividale, decretava che il Palio di San Donato si ripetesse “in perpetuo” confermando così l’importanza della manifestazione per il prestigio della Città, decisione riconfermata nel 1408.
Il Palio si ripete fino al 1797 quando, secondo la tradizione, s’interruppe per l’occupazione napoleonica. Si volle così, nel 2000, ridare vita al Palio e, trattandosi appunto di una rievocazione storica più che secolare, è stato deciso di collocarla nella seconda metà del XIV° secolo, nel periodo in cui governò il Patriarca Marquardo von Randeck (1368-1382). Questo, infatti, è uno dei periodi più significativi del Patriarcato e del Friuli. Il Patriarca Marquardo diede, infatti, un nuovo ordinamento al suo potentato con le “Constitutiones Patriae Forojulienses” che restavano in vigore anche dopo il passaggio del Patriarcato a Venezia.
Il Palio si tiene nel fine settimana più vicina al giorno di San Donato che cade il 21 agosto; attualmente, consiste nelle gare pedestri e di tiro all’arco e balestra.
La competizione si svolge tra i cinque borghi storici entro le mura della città, che sono:

Borgo Duomo: con i colori e stemma della nobile famiglia De Portis;
Borgo Brossana: con i colori e stemma della nobile famiglia Formentini;
Borgo San Domenico: con i colori e stemma della nobile famiglia Canussio
Borgo San Pietro: con i colori e stemma della nobile famiglia Boiani
Borgo di Ponte: con i colori e stemma della nobile famiglia Conti.

stemma Borgo Duomo stemma Borgo Brossana stemma Borgo San Domenico stemma Borgo San Pietro stemma Borgo Ponte

Il Palio è vinto dal Borgo che ottiene più punti con la sommatoria della gara pedestre e quella dell’arco. Il Borgo vincente conserva il Palio costituito da un gonfalone con la figura del Santo, nella Chiesa del proprio Borgo.”
Il sito dedicato è paliodicividale.it

LOOK AT…
2- the pictures PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli
2- the movie PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli

click on the photo to view the movie ->

PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli - Nord-East of Italy

😎