Dilunc la piste ciclabile Aquilee-Grau

all along the path-line

La ciclabile che da Servignan e puarte a Grau e je stade fate di pôc par la cuâl no viodevi la ore di lâ a provâle cun i patins. Domenie passade, finalmentri, o vin decidût di lâ a fâ un zîr di chês bandis e o sin cjatâts a Servignan indulà la ciclabîl e partîs. Il timp al jere bielon ancje se, come par solit in chest periodi, l’aiar no mancjave. No jere bore ma aiar di siroc, cussì lant viers Grau e si veve l’aiar in muse, biel che tornant nus sburtave un pôc. Il prin toc di ciclabîl, saltant fûr di Servignan, al è biel passant intal mieç di un parc e parsore di un puint di len ancje se a son une vore di tombins par la cuâl bisugne stâ atents. Rivant ad Aquilee, la piste e rive propit dongje i sgjâfs archeologjics, e chenti si pues gjoldi des bielecis archeologjichis de ete romane. Po dopo, rivant sul puint che coleghe la tiere ae isule d Grau, si cjatâsi denat il blu dal mâr cun il sô fuart odôr, une maravee… cuant che si rive ae fin dal puint indulà e finîs la ciclabîl e mancje ancjemò di traviersâ il puint mobil par rivâ a Grau… chenti bisugne fâ une vore di atenzion, par vie che no je une bancjine indulâ podê cori ma bisugne passâ dilunc la strade cuant no son lis machinis… in ogni câs si trate di un toc curt… daspò, par lis nascuindudis, si rive sul viâl dilunc dal mâr… in sumis, une biele ciclabîl avonde largje indulà si pues ancje cori e salacor fâle di buinore o crôt che al sedi une cjosse fantastiche…

Look at… the photos: la piste ciclabile Servignan-Grau

:mrgreen:

GIUSTO GERVASUTTI

IL FORTISSIMO ALPINISTA FRIULANO

A Cervignano del Friuli si stanno svolgendo una serie di iniziative per ricordare il fortissimo alpinista friulano Giusto Gervasutti, nell’anniversario della sua nascita (Cervignano del Friuli, 17 aprile 1909; Mont Blanc du Tacul, 16 settembre 1946).
Era chiamato fortissimo non a caso perchè grazie all’esperienza acquisita sulle alpi carniche/dolomitiche aveva potuto sviluppare una grande tecnica nell’arrampicata che metterà a frutto quando si trasferirà a Torino per ragioni di studio a 22 anni e si misurerà con le grandi pareti delle Alpi occidentali riuscendo nell’impresa di fare la Parete Est del massiccio delle Grandes Jorasses nel 1942.
Nel ’45, un anno prima della morte, pubblicherà la sua autobiografia, intitolata Scalate nelle Alpi.

“Niente fremiti di gioia. Niente ebbrezza della vittoria.
La mèta raggiunta è già superata.
Direi quasi un senso di amarezza per il sogno diventato realtà.
Credo che sarebbe molto più bello poter desiderare per tutta la vita qualcosa,
lottare continuamente per raggiungerla e non ottenerla mai…
L’uomo felice non dovrebbe avere più nulla da dire, più nulla da fare.
Per mio conto preferisco una felicità irragiungibile,
sempre vicina e sempre fuggente.”

Giusto Gervasutti, il Fortissimo

Mandi di cûr !

Leggi il brano di Gervasutti: nè corda nè chiodo