Mont Paulâr

e i lichens limon vert

Parcade la machine intal grant parcament lì de malghe Pramôs si cjape la strade par lâ al ripâr Fabiani e daspò plui o mancul 210 m si svolte a drete cjapant il troi, ben segnât, CAI 404 che nus puartarà fin cuasi in cime… rivâts parsore ad un plan il troi al tache a lâ di ribe jù prime di tornâ a lâ sù dilunc il lât Nord de mont… chest toc al è facil di fâ ma o crôt ch’al sedi ancje il plui pericolôs stant che al è di flanc a une cleve che e à slacs… po dopo il troi al tache di gnûf a lâ di ribe sù dilunc il lât Nord e al è dut in ombrene e al presente cualchi toc un tic inclinât e cun la crete ch’e salte fûr e indulà bisugne vê un pas sigûr… chì o ai cjatât int cun la mountain bike… cetant bulos… pôc prime di rivâ in cime, a cjampe, si viôt un lât ma nol è chel di Dimon… lant indenant si svolte a drete par il CAI 405 e si rive in pôc timp in cime… vuê il cîl al jere une maravee e si podevin viodi in lontanance dutis lis Dolomiti e plui dongje lis alps de Cjargne… un spetacul maraveôs… lâ e tornâ a son ~10 Km cuntun D+ 600 m…

Monte Paularo – movie

Buinis cjaminadis a ducj !!!

Jôf di Sompdogne

la cime cenglade dai baranclis di mont

Da Dogne una biele strade e puarte a Sele Sompdogne e rivâts achì si cjape il troi CAI 610 ch’al tache a drete subite dopo il parcament… a son dai piçui scjalins di len e di lì si va di ribe sû inte biele boschete di peçs che cumò a tachin a pierdi lis risclis… e vuê l’aiar lis faseve svolâ tant che flocs di nêf cuvierzint il troi cuntune biele baradure di colôr maron clâr… ma biel prest la cleve e devente fuarte e il troi plen di claps e cussì al va indenant fin insom cun dome cualchi toc indulà che al splane… rivâts fûr de boschete si tache a lâ sù par la crete cence masse fadure, gjoldint dal biel panorame su lis monts dongje… soredut sul Montâs, ancje se vuê la cime e jere cuasi simpri scuindude dai nui birichins che a zuiavin a corisi daûr… rivât in cime, 1889 m, o ai cjatât une biele crôs grandonone plene di stickers… e subite cualchi biel merlot al è vignût dongje… i nui a scuindevin cuasi dutis lis cimis tor ator ma no chês a Est tant bielis, il Nabois grande e la Spalla del Nabois… il disnivel fat al è stât di 500 m e par lâ sù e tornâ jù a son di fâ plui o mancul 5 km …

Buinis cjaminadis a ducj… mandi!!!

Jenfri mâr e Carso

z morje na Krasu

Une biele cjaminade jenfri mâr e Cjars dilunc il Troi de Salvie partint di Aurisina e rivant a Sante Crôs indulà che si cjate, in vie dal Pucino, la biele crete par lâ a rimpinâsi…


…Cjalait il filmut… (video)


Buinis cjaminadis a ducj… mandi !!!
🙋

Montagna…

fra cambianento climatico e pressione turistica…

CRISI CLIMATICA E PRESSIONE TURISTICA: COME CI REGOLIAMO?

Un corso di aggiornamento per gli operatori TAM (Tutela ambiente montano) del Club Alpino Italiano aperto a tutti.
A Belluno sabato 15 ottobre. Con Anselmo Cagnati (Gli effetti della deglaciazione nell’ambiente alpino) Silvia Stefanelli (Impatti della crisi climatica sulle Alpi e misure di adattamento) Mauro Pascolini (Capacità di tenuta del territorio alpino al turismo di massa) Raffaele Marini (Il CAI e l’Ambiente: i documenti di posizionamento)
Anselmo Cagnati, di Falcade (Belluno), dottore forestale, alpinista e scialpinista con oltre 500 salite in Dolomiti, ha partecipato a spedizioni scientifiche in zone polari e sub-polari, a spedizioni alpinistiche in Sudamerica e in Himalaya e a spedizioni con i cani da slitta nell’Artico canadese e alle Isole Svalbard. Autore di oltre 120 pubblicazioni scientifiche sulle tematiche nivologiche.
Silvia Stefanelli è nata a Udine; è socia del Club Alpino Accademico Italiano, ha studiato alle Università di Padova e Edimburgo e opera come Policy Officer nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Ha gestito proprietà forestali pubbliche e private e ha lavorato a Bruxelles nella Commissione europea, DG Clima, per la quale è ancora consulente su temi legati al cambiamento climatico. Fa parte del board tecnico di Plan Vivo, leader mondiale nello sviluppo di progetti di crediti di carbonio etici.
Mauro Pascolini è professore di Geografia all’Università di Udine, è impegnato nelle tematiche che riguardano il paesaggio, lo sviluppo locale, la valorizzazione del territorio, la partecipazione, i territori montani e il rischio naturale. Responsabile scientifico del Piano Paesaggistico Regionale del Friuli Venezia Giulia; fa parte del comitato scientifico di Dolomiti Unesco ed è presidente di Rete Montagna.
Raffaele Marini è il presidente della Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano del CAI. Il suo intervento via teleconferenza illustrerà i contenuti del documento elaborato dalla CCTAM per aggiornare il Bidecalogo Cai.

Campanile di Val Montanaia

L’urli di piere…

Cheste Istât 2022 si siere cun il bot dilunc il troi CAI353 che mi à puartât a lì dal Cjampanili di Val Montanaia e al ripâr Perugini… une cjaminade une vore preseade che si scugne fâ almancul une volte inte vite e che ducj chei che a son passionâts di montagne a àn fate ancje plui di une volte… lant sù dilunc il canalon, indulà ch’al côr il riu Val Montanaia, si è contornâts de biele crete des Dolomiti Furlanis e biel prest si tache a viodi il Cjampanili, che si fâs un tic bramâ par vie che al mancje ancjemò un biel toc prin di rivâ lì dal ripâr Perugini… ma cuant che si rive lì de boschete si pues biel za viodilu in dute la so bielece e jo o ai pensât a tropis voltis che Mauro Corona al è lât a rimpinâsi sù chê biele crete e a cetant bulo che al è stât… di fat e je une parêt grandonone e une vore alte e par fâle e covente une buine preparazion sedi fisiche, che tecniche, che mentâl… fate la ultime fadure e rivâts lì dal prât si cjatâsi intun cjadin cenglât des cretis… la Croda Cimoliana, il Campanile Pordenone, la Cima Meluzzo, la Cima Rosina e v.i. e vint voie si pues lâ sù fintremai ae Forcella Montanaia… il timp al jere biel ancje se, la sù, la buere frede si faseve sintì… fatis lis fotos ancje ae biele parêt nord o soi tornât indaûr fin lì dal parcament dongje dal Ripâr Pordenon… par lâ e tornâ mi son ladis plui o mancul 4 oris e il disnivel fat al è stât D+ 850 m… in some, une biele cjaminade impegnative ma ripaiade de bielece dal Cjampanili di Val Montanaia…
Buinis cjaminadis a ducj !!!

Campanile di Val Montanaia

Monte Sernio

…cun il cûr plen di gjonde, di ca sù, mandi a ducj… with a heart full of joy, from up here, hello everyone…

Cheste cjaminade e je stade par me la prove dal fûc… di fat, lant dibessoi, par rivâ in cime bisugne vê buinis gjambis, un bon cûr ma soredut rivâ ad ore a stâ in pâs dentri di se… ven a stai dibisugne vê un cjâf calm… la fadure e je stade tante ma la sodisfazion di cuant che tu tu rivis in cime ti jemple il cûr di gjonde ripaianti di dut… o soi stât 4H40 par rivâ insom fasint diviersis fermadis par tornâ a cjapâ flât e 3H50 par tornâ indaûr… o ai ancje fate une pause di 25′ in cime… in some a coventin plui o mancul 09H00 oris par lâ e tornâ… mi soi puartât daûr 2 l di aghe e ancje alc di gustâ par tornâ a cjapâ lis fuarcis e ringraciant il Signôr al è lât dut ben… o puès dome che jessi contenton di cemût che o ai sierade cheste biele Istât 2022…
Buinis cjaminadis a ducj !!!

…Peace and Love… <3 monte Sernio 2.187 m - Val Aupa

. . .Sô Maestât la mont Sernio e in bande a cjampe la regjine la tor Nuviernulis . . .

Cippo Emilio Comici

Val Rosandra…

Cheste e je une biele cjaminade di 11 K e D+ 300 m, che e tache dal parcament de “ciclopedonale Cottur” dilunc la sp 11 bandis Triest e nus puartarà fintremai al “cippo Comici“, il monument in onôr dal grant rimpinadôr talian che intai agns ’30 e ’40 dal secul passât al jere impegnât a puartâ indenant il nivel de dificultât al sest grât… fat il sotpàs si cjamine dilunc une biele e largje strade di glerie che nus puartarà a passâ denant de viere stazion dai trens di S. Antoni di Moccò e po’ dopo dongje dal paîs di Hrvati… passât un arc si rive li de crete de “Piçule Ferovie” e lant indenant e passadis dôs galariis si rive ad une crosere cuntune stradute cementade che e va di ribe jù viers Bottazzo… cjapant cheste stradute in font si svolte a drete indulà che e je la tabele pe glesiute di S.Marie in Siaris… da chì il troi al è ben segnât e si rive fin ae biele glesiute… di li si va indenant dilunc un teren di claps e cretis ben segnât cun bolins che nus puartin fin insom indulà si cjate la piçule piramide dedeade a E. Comici… dopo vêlu saludât cuntun mandi o podìn gjoldi di une biele viste de valade e des cretis dongje… tant che la parêt dai Falchi, la mont Stena e lis cretis par lâ a rimpinâsi… in some, une biele cjaminade indulà ombrene e soreli si alternin in graciis dai arbui che a son dilunc dal troi tant amât dai triestins… inalore…
Buinis cjaminadis a ducj, mandi !

Tancj Auguroncici

…tancj auguroncici, Andrian !!!

Fin culì, di rif o di raf, o soi rivât… inalore sperin di lâ indenant ben ancjemò par cualchi an… fasintsi fuarce simpri cuntune preiere…
savint che… o deventarai vieli… i respiri parsore…
savint che… o podarai inmalami… i respiri parsore…
savint che… o prin o dopo o varai di lâ ancie jo… i respiri parsore…
savint che… o pierdarai ducj i miei afiets plui cjârs… i respiri parsore…
savint che… o puartarai di là dome ce che o ai fat … i respiri parsore…
savint che… o ai voie di jessi simpri cussint … i respiri parsore…
savint che… o vuei il ben di ducj… i respiri parsore…
savint che… o saludarai simpri cuntun biel mandi… i respiri parsore…

Qui sono sulla Cima di Terrarossa _ altopiani di Montasio

😎

European Mobility Week 2022

Migliori connessioni

16-22 Settembre 2022

Il tema annuale della SETTIMANA EUROPEA DELLA MOBILITÀ 2022 è “Migliori connessioni”. Con questo tema si cerca di evidenziare e promuovere le sinergie tra le persone e i luoghi.
In particolare quelle persone che stanno offrendo la loro esperienza, creatività e impegno per:
aumentare la consapevolezza sulla mobilità sostenibile,
per promuovere il cambiamento comportamentale a favore della mobilità attiva,
raggiungere e creare connessioni tra i gruppi esistenti e il nuovo pubblico.
I cinque pilastri individuati per le “Migliori connessioni” sono:
Le persone
I luoghi
Il trasporto pubblico
La pianificazione
La politica.

European Mobility Week

Better Connections

Nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità vorrei proporre questa iniziativa che sta a cuore a tutti i pattinatori . . .

. . . ERA – DAY . . .
ovvero
European Rollers Action – Day

 European Rollers Action - DAY L’idea sarebbe quella di scegliere una giornata in cui trovarci tutti insieme, magari ogni anno in una città diversa, per manifestare e sostenere il pattino come mezzo di trasporto ecologico… che ne pensate?

The idea would be to have a Day where we can meet each other, perhaps every year not in the same city, to demonstrate and support the skate as an ecological means of transport…
what about that?

Your opinion in the comment below… tnks. . .

Creta di Timau

Ch’e vadi il to pinsîr a ce che plui ti è cjâr… come il miò sunâ libar e clâr…

Cuant che, domenie passade 21/08/2022, o soi rivât a casere Pramosio Alte tor lis 09H45 al jere biel za cjaldut, l’aiar al soflave ben e il parcament al jere cuasi dut plen ma par fortune o ai cjatât un puest… tor lis 10H00 o soi partît dilunc il troi CAI402 par là sù al lât di Avostanis ma cheste volte la prime tape nol jere il lât ma la Crete di Timau che cuant che tu tu rivis a Cleulis tu tu la viodis denant biele e imponent… passade la malghe delle Manze e pôc prime di rivâ al lât o ai cjapât un troi a cjampe che al puarte fin sù la cime de Crete e daspò plui o mancul une cuarantine di minûts o ai tacât la parêt furnide di cuarde di açâl rivant cussì insom de Crete pôc prime di misdì… di lassù in graciis di un cîl net si podevin viodi dutis lis mont… il Colians al faseve biele mostre di se propit li denant ma slungjant il voli fin là jù si podevin ancje viodi la Tofane il Pelmo e di chê altre bande il Mangart e il Triglav e tantis altris montagnis… un spetacul bielonon… cuant che o soi rivât in cime l’aiar al jere bielzà cuietât e no jere int ma daspò une mieze orute si jere in une cuindisine di personis… dutis impegnadis a fâ lis fotos e a nomenâ lis monts che si rivavin a viodi, tant che un zovin al à fat svolâ il drone… dopo vê mangjât e vê polsât un pôc e saludadis lis bielis fantatis di Udin o soi lât viers la siele di Avostanis cjolint un troi ch’al traverse e al puarte parsore dal lât fin lì de crete prin des rivis de mont Avostanis… achì bisugne fâ un grum di atenzion stant che il troi al zire ator de crete lant prime sù e po dopo lant di ribe jù viers la siele e deventant une vore stret, esponût e plen di jerbe… rivâts li de siele il plui al è fat… e o ai podût tacâ la mont Avostanis rivant in cime dopo vê fat une ribe in sù avonde tirade… de piche, dividude jenfri Italie e Austrie, o ai potût gjoldi di un biel panorame sù la valade austriache e di un biel grifon che al svolave in cîl cun lis sôs alis tant largjis… di chì dute ribe jù fin al lât che tor lis trê al jere plen di int, frutins e cjans tant che sù la parêt li dongje cualchidun al tacave a rimpinâsi… in sumis o pues dî che e je stade une zornade bielonone ma ancje une zornade, par me, storiche stant che o soi rivât a meti insiemi dôs cimis di passe 2000 m… une biele sodisfazion… inalore…
Buinis cjaminadis a ducj !!! 🗻

Cjalait achì dutis lis fotos de cjaminade

Mont San Canziano

…valli del Natisone…

Daspò vê parcât la machine dongje il domo di S. Pieri dai Sclavons ( COORD: 46.12968954831961, 13.487701495557747 ) si cjape la strade che e puarte ae tratorie Le Querce e a chì si cjôl, a cjampe, il troi CAI 749 e si va indenant par plui o mancul 2 Km fin a cjatâ a drete il troi CAI 749a che nus puartarà fintremai al pas di Sant Canziano di lì cjolint il CAI 755 si rive, bot e sclop, dopo vê fat un toc di ribe sù, in cime a la mont San Canziano / svét Kocjàn – 723 m. In cime a chest mont o varês la biele sorprese di viodi chel ch’al reste di une viere glesiute dute fate in piere.

«La vista che si gode da quella vetta – scriveva nel 1912 Ivan Trinko – è magnifica: buona parte della pianura friulana, molte dirama­zioni delle Giulie di qua e di là dell’Isonzo, tra cui il gruppo del Krn, il prossimo Matajur, il Mia, la catena Stol – MonteMaggiore dietro la quale fan capolino il Prestreljenik ed il Canin»

La devozion a Sant Canziano ( svét Kocjàn in sloven ) e à dât vite al cognon Cocean, Coceani, Coceano, che si cjate inte zone dal Friûl a soreli jevât indulà che il Sant al jere plui cognossût e venerât…

Cheste e je une cjaminade une vore biele plene di storie e culture e ancje no masse lungje par vie che il troi al passe dut intal bosc cussì no si à il soreli simpri in batude parsore dal cjâf, ed in dut a son une dozene di km cuntun D+ 550 m par la cuâl no varessin di jessi problemis par EE…

Buinis cjaminadis a ducj !!!

Benvignût 2020

…WELCOME 2020 !

I wish all Climbers, Runners and Tai Chi practitioner all over the world a HAPPY NEW YEAR 2020 !!!!!

il proponiment, par chest an, al è chel di judâ chei che a fasin fadure a lâ indenant inte vite e di combati la tindince, dal dì di vuê, di meti dongje masse ricjece intes mans di pocje int, tant che si ledi viers dai mûts di convivence indulà la int e rive a cjatâ lavôr e a mantignî la famee…
la riflession impen e vên de savietât dal Orient lontan:
“La ativitât dai umign e va indenant cence padin; co e rive ae fin e torne di gnûf a scomençâ. Duncje e pues lâ indenant in perpetui. Cuant une ruede e à un as indulà zirâ, e pues lâ lontan. La ativitât de Nature e je une, cence disviaments; par la cuâl no fale.
Co la energjie dal cîl e ven jù e la energjie de tiare e va sù, yin e yang a comunichin, e compagn a fasin ducj i vivents.
Co i umign savis e stan intai puescj publics ad alt, i puars umign intal spirt a van vie; cheste e je la Vie dal cîl e de tiare.”

Mandi a ducj !!!

#peaceandlove ☮ ☯

Mari biele

… tu sarâs simpri intal gno cûr !

…un an fâ tu âs lassât il tô cuarp e mi visi ancjemò di chel moment cuant che tu âs butât fûr l’ultin respîr… a jerin lis 14H30 e al jere une biele zornade di Zenâr… tu no tu podevis plui viodimi par vie che ti vevin dade la morfine ma o soi sigûr che tu rivavis a sintîmi… la tô man cjalde e jere poiade parsore il gno zenoli e po dopo il to cuarp nol le à plui fate e tu tu sês partide par il to viaç… dentri di me al si è viart un grant vueit che no rivi ancjemò a jemplâ e no crôt che o rivarai mai a fâlu… tu sês stade une mari cetant amorose e cun tante pazience rivant simpri a sopuartâ il gno caratar cjavestri… ma tu jeris ancje une mari buine di cûr che i plaseve gjoldi des piçulis bielecis de vite… mi visi ancjemò cuant intun biel dopodimisdì, al jere il 3 di Zenâr, tu mi âs dite “puartâmi a fâ une cjaminade !”… jo feminou ti varès puartade fûr di buride… ma o speri che cumò in cualsisei puest tu tu sês tu puedis stâ ben e stâ in pâs… mandi mari biele… tu sarâs simpri intai nestris cûrs…

mamma anniversario

#peaceandlove

Cjaminade su la mont Mia

Stupizza di Pulfero

il comun di Pulfero e à inmaneade, domenie 31 di Lui 2016, une fieste lì des malghis su la mont Mia in ocasion de concession forestâl par il sfrutament dal bosc… l’apontament al jere aes 11H30… tant che cualchidun al rivave in machine dilunc la strade forestâl, chei altris acompagnâts da dôs vuidis, Stefania e Marco, a levin a pît dilunc il troi che da Stupizza e rive sù la Mont Mia… une biele cjaminade fate cun calme in 2H30 e passant traviers bielis boschetis e i crets di calcâr inte part ad alt… a pene tacade la cjaminade o vin podût viodi a man çampe lis ruvinis di un antic borc, Pedrobac abitât fin al inizi dal ‘900, che e veve un mût inzegnôs di conservâ il formadi e altris prodots metintju dentri un çondar taponât cun lis pieris e lassant dome doi piçui barcons in mût che al fos il zîr di aiar, in chest mût la temperadure si mantignive simpri compagne dilunc dutis lis stagjons… po dopo il troi al tacave a lâ sù e stant che al jere une vore di scjafoiaç o vin sudât trê cjamesis… lis robis a son ladis miôr rivant inte valade dal Pradolino… une valade une vore alte che e je stade sgjavade dal Nadison intal cret di calcâr , par vie che il so jet al passave, tancj agns indaûr, di chestis bandis… rivant aes malghis tor lis 11H30 o vin podût gjoldi di un biel licôf cun bire, vin e di gustâ pastesute cun tocj di cjar, e par secont a jerin i ćevapčići o lis fetutis di cjar cun la polente o ancje i fasûi… insome tante robe… ma par cui che e veve fate dute che cjaminade e al veve ancjemò di tornâ indaûr a pît salacor une biele fete di angurie o dei pierçui a saressin lâts une vore benon… tant che si mangjave, il sindic e i studiôs nus contavin de concession e de impuartance di chest bosc, stant che al è deventât SIC ven a stai Sît d’Interès Comunitari, e di ce che a àn intenzion di fâ par tignîlu in bon stât… tor la une, cun Marco, o vin decidût di tornâ indaûr stant che il meteo nus faseve viodi che al jere dongje a rivâ un biel burlaç… e cheste e je stade la nestre fortune par vie che rivâts al parcament, tor lis 15H00, pôc dopo e tacave a gotâ e in cinc minûts si à discjadenade une biele bissebove… no sai però cemût che e je lade a finîle a chei altris che cun Stefania a jerin restâts sù par gjoldi dal conciert di trombis e che a son partîts plui a tart… un graciis di cûr a Stefania e Marco che nus àn vuidât displeantnus lis bielecis de nature e un riviodisi a ducj l’an che al ven… mandi a ducj !!!

look at… the photos: Cjaminade Monte Mia

:mrgreen:

L’ALPE ADRIA

ROLLER-COASTER 2008

Chi c’è stato, come me, per la prima volta sulla ciclabile che da Camporosso-Tarvis mena a Coccau si è reso conto che non si trattava di una tranquilla pista ma di una specie di rolller-coaster dove i continui saliscendi mettono a dura prova le fasce muscolari interne delle cosce e la capacità di frenata di ogni pattinatore. E solo grazie ai bikers abbiamo potuto affrontare in tranquillità i tratti più erti, limitando al min i danni. In fondo c’è stato solo qualche scivolone, e nulla di più. 😉 Un grazie, quindi, a tutti quelli che ci hanno accompagnato con le bici. In ogni caso la soddisfazione di pattinare in mezzo ai boschi millenari della foresta di Tarvisio ci ha ripagato di ogni fatica e al rientro alle macchine ci sentivamo tutti piacevolmente stanchi. Così, in pizzeria abbiamo potuto affrontare allegramente l’ultima prova, la più dura, l’assegnazione dei premi, con tanto di nominations. 🙂
Un grazie a tutti quelli che hanno partecipato e un rivederci a presto.
Naturalmente un mega ringraziamento a tutti i gruini che si sono prodigati per organizzare l’evento.
A proposito, quasi dimenticavo, per stasera vorrei fare un Grosso in bocca al lupo alla nazionale italiana: FORZA AZZURRI !

MANDI A DUCJ !
kisses and hugs
by Manolo