Int cun tantis ideis

int furlane

Parcè, nô furlans, o savin cussì pôc de nestre biele storie?
Salacor par vie che intes scuelis la culture furlane e je considerade une culture di secont ordin, par la cuâl si dâ spazi dome ae culture taliane tant che o savìn avonde pôc de nestre storie, des nestris lidrîs. E cetantis robis che nus disin dal Friûl a son bausiis. Nus contin, par esempli, che Aquilee e sedi stade fondade dai romans, ma no je vere. Di fat i Celts a son rivâts culì passant lis monts, a àn abitat inte nestre plane e a àn fondade – cui che lu ricuarde al è il storic grêc Teopomp – dongje un flum, che lôr a clamavin Achìlis, la citât di Aquilee. I romans le àn fortificade li che, za 500 agns prin di Crist, al rivave il cumierç di une robe che e vignive doprade par fâ corais di femine, che si clamave Ambre e che rivant dal mâr Baltic daspò si imbarcjave par lâ in Grecie dal puart celtic di Achìlis. A dînus de presenze dai Celts inte nestre tiere a son ancjemò i nons cjargnei: Carnia, Carintie, Carniole, Cragn e Carso.
Une storie cetant impuartantone che bisugnarès studiâ a scuele ma che invezit no si studie.
Cumò al è stât butât fûr un libri dal titul “Friulani delle idee. Dieci dialoghi con il Mondo” indulà si sgarfe inte storie dai furlans che a àn mudât il mont cun lis lôr ideis gnovis, jemplant cussì un vueit e fasint cognossî a ducj cuâl isal stât il jutori che o vin dât al mont intîr. Mi soi, però, maraveât di une robe, che intal libri no si fevele di Antonio Mattioni considerât il pionîr dal svol a reazion. Pecjât par cheste piçule mancjance, no tant par vie che si trate di un cividalês ma parcè che e à dât un jutori une vore impuartant pe disvilup dal svol cun i avions.
In ogni câs al è stât fat un pas indenant discuvierzint un biel cantin de nestre culture e nus augurin che chestis robis si studiin ancje a scuele parcè che al è just che i zovins a savedin che a son i fîs di int cetant bule.

Look at… the video: Antonio Mattioni >>

Look at… the photos: Antonio Mattioni >>

Antonio Mattioni - le foto della mostra a Cividale del Friuli

😎

E L’ITALIA

SI ALZO’ IN VOLO

Era il 29 dicembre 1923 quando al Campo di Marte ( FI ) Antonio Mattioni riuscì a far volare la sua creatura la “botte volante“. Si realizzava così un sogno coltivato fin da bambino quando a Cividale del Friuli costruiva aquiloni con le canne di fiume e la carte velina. Ma l’intuizione di sfruttare la scia d’aria provocata dall’elica gli venne già nel 1909 durante una manifestazione di aeroplani a Montichiari ( BS ). In quell’occasione, complici le condizioni atmosferiche, si accorse che il flusso d’aria che veniva generato e andava disperso era notevole. Così investì tutte le sue risorse per costruire un prototipo di aereo a reazione dove l’elica era intubata. Antonio Mattioni aveva anche fatto richiesta al Ministero per ottenere un contributo. Ma la prima volta gli venne risposto che prima volevano vedere se il suo prototipo volava. Quando riuscì a far volare l’aeroplano e fece di nuovo la richiesta, i nostri cari politici gli risposero che non erano + interessati alla sua invenzione. Fortunatamente Mattioni aveva, con molta lungimiranza, anche portato avanti la sua attività di tipografo che poi si trasformerà in quella di editore. E questo gli permise di brevettare la sua invenzione e soprattutto di realizzarla. Ma un adeguato aiuto finanziario da parte del Ministero della Difesa-Aeronautica gli avrebbe permesso anche di svilupparla adeguatamente. Ma si sa i nostri politici non brillano certo per lungimiranza ed ecco che il riconoscimento del valore della sua invenzione gli arriverà solo nel 1950, quando il suo brevetto era già stato acquistato nel ’39 dai tedesci e poi dagli inglesi e dagli americani. A 130 anni dalla sua nascita il Comune di Cividale gli rende omaggio con una mostra che si può vedere fino al 23 maggio nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti.

Mandi di cûr !

Look at… the video: Antonio Mattioni »

Look at… the photos: Antonio Mattioni »

Antonio Mattioni - le foto della mostra a Cividale del Friuli