FORSE

QUALCOSA SI MUOVE ! 😉

Il 03.02.2009 è stata presentata una proposta di legge che riguarda direttamente tutti coloro che amano muoversi con i rollers.
L’ onorevole Sabatino Aracu, presidente della FIHP e della FIRS, nonché parlamentare del PdL e presidente dei Giochi del Mediterraneo 2009 ha presentato alla Camera dei Deputati la proposta di legge:
Modifiche agli articoli 3 e 190 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, concernenti la circolazione di pattini a rotelle e di tavole a spinta sulle piste ciclabili“.
Si propone di modificare l’art. 3, comma1, numero 39) dove si dice:
39) Pista ciclabile: parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei velocipedi
con l’aggiunta del testo seguente:
e degli utenti muniti di pattini a rotelle o di tavole a spinta
Mentre dopo il comma 9 dell’articolo 190 del citato codice della strada, è inserito il seguente:
“9-bis. La circolazione con pattini a rotelle o con tavole a spinta è consentita sulle piste ciclabili e nelle altre aree urbane individuate nei piani urbani del traffico, con l’obbligo di osservare il comportamento prescritto per i pedoni“.
Interessante l’incipit della proposta di legge:
“Onorevoli Colleghi! – Il pattinaggio è diventato, oggi, un’attività molto popolare, tanto da vantare circa un milione e mezzo di praticanti, ed il numero degli appassionati è in continua ascesa.
I pattini a rotelle, utilizzati sia per hobby che per sport, potrebbero essere considerati a pieno titolo, e in linea con le attuali esigenze ambientalistiche, un ottimo mezzo di trasporto alternativo, se solo venisse data la possibilità, a coloro che ne fanno uso, di adoperarli come un qualsiasi altro mezzo di locomozione.

Adesso speriamo che la proposta di legge venga presa in seria considerazione anche dagli altri parlamentari e finalmente anche in Italia si possa girare tranquillamente per le nostre belle ciclabili ! 😉

BENVENUTO 2009

Benvenuto 2009 !

I wish all climbers and riders all over the world a Happy New Year !

Vorrei iniziare bene questo nuovo anno con il proposito che il Papa ha espresso nell’omelia durante la S.Messa:
Combattere la povertà e costruire la PACE“.
Per raggiungere questo obiettivo sono necessarie alcune condizioni: la sobrietà, la solidarietà e l’uguaglianza.
Noi ci auguriamo che le parole diventino fatti e che tutti noi si possa dare un contributo evitando sprechi e cose superflue.

Look at... the pictures!

TUTTI IN BICI

O CON I PATTINI DA SALISBURGO A GRADO ! 😉

Utopia ? forse adesso lo è, ma fra qualche anno non lo sarà +. E’ di oggi la notizia della Giunta Regionale che domani, nella sede della Regione a Udine (Via Sabbadini), si svolgerà l’incontro tra i partner delle tre regioni (Friuli Venezia Giulia, Land del Salisburghese e Land della Carinzia) per l’avvio delle attività di completamento e sviluppo dell’itinerario ciclabile transfrontaliero denominato “CAAR” (Ciclovia Alpe Adria Radweg) . La CAAR partirà da Salisburgo, raggiungerà Villaco e, attraverso il Valico di Coccau, proseguirà alla volta di Tarvisio, Gemona, Udine e Palmanova, per arrivare al mare Adriatico: ad Aquileia e Grado.
Il progetto avrà un costo complessivo di 1 milione e 200 mila euro.
I tre interventi infrastrutturali previsti, che dovranno essere completati entro il 2011, verranno realizzati sul tratto Werfen-Tenneck nel Land Salisburghese, sul tratto Arnoldstein-Thörl Maglern nel Land Carinzia e sul tratto Venzone-Gemona nel Friuli Venezia Giulia; con tali interventi sarà possibile la ciclabilità di tutto il percorso da Salisburgo a Gemona.
“Nella nostra regione, grazie ad altri cofinanziamenti comunitari e regionali – ricorda ancora Riccardi assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità – fino a oggi è già stato realizzato e aperto al traffico il tratto della CAAR dal Valico di Coccau a Camporosso e sono in fase di avanzata realizzazione sia i lavori da Camporosso a Pietratagliata, da parte della Provincia di Udine, sia quelli da Pietratagliata a Moggio, da parte della Comunità montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale. Inoltre, con finanziamento regionale, nel 2007 la Provincia di Udine ha ultimato l’itinerario ciclabile da Palmanova a Cervignano e ha attualmente in corso i lavori sul tronco più meridionale da Cervignano ad Aquileia e Grado”.
Un gran bel progetto ! 😉
Speriamo solo che poi ci sarà qualcuno che provvederà anche alla manutenzione perchè come si sa questa dipende dalle convenzioni che verranno stipulate con i Comuni attraversati dalla ciclabile e non sempre i Comuni sono intenzionati a prendersi questo onere.

JUMP

LUCY JUMP ! 🙂

Sabato pomeriggio eravamo presenti all’interno del negozio del Decathlon per una dimostrazione. Molte le attività presentate, dalle tecniche di base, al freestyle, al jumping, all’hockey. I bambini si sono molto divertiti a provare i pattini e a fare le rampe mentre i genitori li immortalavano con i telefonini.
Adesso il seme è stato gettato e se la passione dei rollers ha contagiato anche voi potete venire a pattinare con noi.
In fondo alla barra laterale del Blog si possono vedere alcuni video, tra questi anche quello dell’esibizione al Decathlon 😉
( posizionando il mouse sull’immagine piccola viene visualizzato il titolo del video; cliccandoci sopra il video sarà riprodotto nel player sottostante. Have fun! )

Sempre pattinare !

Look at... the pictures

UNA SPLENDIDA

GIORNATA !

Trascorsa in quel di Grado con un sole che ci faceva dimenticare di essere alla fine di ottobre e un mare che era meraviglioso. Oggi avremmo dovuto essere alla Venice Marathon ma per motivi organizzativi non è stata data l’autorizzazione agli skaters di prendere parte alla manifestazione. 😛
Così ci siamo rifatti con un mega giro in quel di Grado dalla val Caneo alla Darsena, il che vuol dire attraversare Grado in lungo e in largo.
Che spettacolo ! 🙂

 

Look at... the pictures!

ROLLERLOVE

OVVERO COME MUOVERSI IN CITTA’ SENZA INQUINARE

Forse non sarebbe male come idea se nelle nostre città il traffico privato di auto fosse limitato allo stretto necessario, i mezzi pubblici potenziati e come nelle strade delle città cinesi di qualche anno fa si vedessero girare flotte di biciclette e pattini . L’aria diventerebbe + respirabile, il traffico + scorrevole e la nostra vita meno stressata. Ma tutto questo sembra un’utopia, come possiamo fare a meno della nostra cara auto ?

Così la Commissione per l’Ambiente del Parlamento Europeo si limita a chiedere ai diversi Stati di ridurre le emissioni di CO2 a 120g x km guidato a partire dal 2012.
Ma anche la Direttiva europea sembra troppo ristrettiva per la lobby dell’industria automobilistica, se come si apprende dal sito di Greenpeace :

The German car industry is lobbying hard to stop European lawmakers from setting tough emissions standards. They want to carry on building heavier, less efficient luxury cars.
Now that the European Parliament’s Environment Committee has voted for standards, starting in 2012, industry lobbyists and the German government are trying to wreck the proposal.

Che dire , che sia il caso di regalare un paio di pattini ad Angela? 😉

LUCERTOLAO

FRACASSAO

Una giornata iniziata con un cielo nuvoloso e un vento dispettoso quella di domenica scorsa quando con i gruppi rollers di 1/2 Italia ci siamo ritrovati in quel di Fossalon.
Alla pattinata organizzata dal GRU di Udine hanno partecipato i gruppi rollers di Bologna, Verona, Bergamo, Mantova, Milano, Padova, Mirano, Pordenone ( spero di non aver dimenticato nessuno 😉 ). Ormai siamo veramente in tanti e quando ci ritroviamo è sempre una gioia stare insieme. Ma quest’incontro è stato reso un po’ speciale dalla coincidenza con la kermesse friulana “Friuli DOC” che ci ha permesso di festeggiare tutt’insieme il sabato sera, girovagando fra i vari stand gastronomici e ascoltando musica di ogni genere.
Naturalmente un grande grazie a tutti quelli del Gru che si sono occupati dei problemi logistici per ospitare gli skaters !

MANDI A DUCJ !
kisses and hugs
by Manolo

Look at... the pictures ! ;)

LUNGO IL

FIUME E NELL’ACQUA

Questa volta la banda dei pattinatori del gru si è spostata dalle parti del Lago di Garda per percorrere la mega ciclabile che costeggia il Mincio verso Mantova. Ci siamo ritrovati a Borghetto, un borgo medievale molto caratteristico che si trova nelle vicinanze di Valeggio sul Mincio, insieme agli altri gruppi per partire alla volta di Massimbona. La ciclabile nel primo tratto è ombreggiata e quindi molto piacevole, mentre nella seconda parte diventa soleggiata, e il clima afoso di domenica ha fatto il resto facendoci sudare sette camicie. Ma le nostre fatiche sono state ampiamente ricompensate dalla bellezza del posto dove ci siamo fermati per il pranzo, il mulino Ramaroli. Forse, come ci diceva il proprietario, il + antico mulino a pietra d’Italia. Cmq qui abbiamo potuto gustare tutte le cose buone che ciascun aveva messo a disposizione di tutti dando così vita a un picnic comunitario dove abbiamo assaggiato un po’ di tutto, dalla gustosissima peperonata calabrese , alla frittata, al salame e formaggio, alle crostate e dulcis in fundo alla gubana. 😉 Le ruote del mulino sono mosse dalle acque del Mincio e così dopo pranzo mentre qualcuno si è fermato sul prato a parlare o a farsi una piacevole pennichella, altri si sono divertiti a giocare nel fiume. Alle 16 ci siamo rimessi in marcia e siamo volati con un bel trenino verso Borghetto.
Mega kudos a tutti gli organizzatori di questa bella pattinata che ci ha reso tutti un po’ + festosi 🙂

sempre pattinare !!!

MANDI A DUCJ !
kisses and hugs
by Manolo

  Look at... the pictures ;)

E’ UN VOLO

A PLANA…RE

“… Tu sei libero di essere te stesso, questa è la LIBERTA’ che hai, ADESSO e QUI, e nulla ti può essere di ostacolo. Questa è la Legge del Grande Pattinatore, la Legge di chi E’ vivo”.
“Intendi dire che… posso pattinare?”
“Dico che sei libero.”

E allora… vorrei andare a pattinare
in Puglia, in Puglia, in Puglia

🙂 🙂 🙂

AUGURONCICISKA BELA

L’ALPE ADRIA

ROLLER-COASTER 2008

Chi c’è stato, come me, per la prima volta sulla ciclabile che da Camporosso-Tarvis mena a Coccau si è reso conto che non si trattava di una tranquilla pista ma di una specie di rolller-coaster dove i continui saliscendi mettono a dura prova le fasce muscolari interne delle cosce e la capacità di frenata di ogni pattinatore. E solo grazie ai bikers abbiamo potuto affrontare in tranquillità i tratti più erti, limitando al min i danni. In fondo c’è stato solo qualche scivolone, e nulla di più. 😉 Un grazie, quindi, a tutti quelli che ci hanno accompagnato con le bici. In ogni caso la soddisfazione di pattinare in mezzo ai boschi millenari della foresta di Tarvisio ci ha ripagato di ogni fatica e al rientro alle macchine ci sentivamo tutti piacevolmente stanchi. Così, in pizzeria abbiamo potuto affrontare allegramente l’ultima prova, la più dura, l’assegnazione dei premi, con tanto di nominations. 🙂
Un grazie a tutti quelli che hanno partecipato e un rivederci a presto.
Naturalmente un mega ringraziamento a tutti i gruini che si sono prodigati per organizzare l’evento.
A proposito, quasi dimenticavo, per stasera vorrei fare un Grosso in bocca al lupo alla nazionale italiana: FORZA AZZURRI !

MANDI A DUCJ !
kisses and hugs
by Manolo

A TWISTED DAY

A twisted day is when your mind and your body don’t living in armony.
That’s what happend to me last sunday (on 4th of May ) when I have taken part in the 1st INLINE SKATING HALF MARATHON in Trieste during the “Bavisela” event. My mind said: “let’s run !”, my body said:”I wish to stay to sleep another little!”.
The result has been a very hard race.
But at the end the time hasn’t been so bad: 1h: 03′: 36”.
I’d like to greet all the riders I have met.

Mandi a ducj ! 🙂

CICO

at VELDEN SEE

Un lago, una ciclabile che lo costeggia, boschi e prati dove i bambini posssono giocare. Tutto questo è il lago di Velden am Wörthersee a circa 150 km da Udine, in Austria. Un vero spettacolo della natura. Qui, domenica scorsa, abbiamo incontrato Cico, il terranova che non ne voleva sapere di essere trasportato sulla carrozzella ma preferiva farsi a quattrozampe i 44km dell’anello intorno al lago insieme a ciclisti, pattinatori e podisti. Si tratta di una manifestazione, tipo le nostre pedalate cittadine, molto ben organizzata con posti di ristoro disposti in più punti lungo il percorso quasi tutto pianeggiante con qualche sali e scendi non impegnativo, con strade chiuse e tanta tanta gente. E, udite udite, a differenza di quanto succede da noi, il tutto è gratuito.
😎

Look at… the pictures about VELDEN SEE !

ABBIAMO GUARDATO

IN FONDO AL POZZO DEI DESIDERI

e abbiamo visto riflessa la nostra immagine, i nostri desideri, le nostre paure, i nostri dubbi, le nostre speranze ma soprattuto un abbraccio grande come PRATO DELLA VALLE. E allora… il cielo si è messo a sorridere e i raggi del sole hanno reso il nostro abbraccio + caloroso. Così una domenica iniziata con un asfalto bagnato, un cielo grigio, dei pattinatori incerti sul da farsi si è conclusa nel migliore dei modi.
Ma a riscaldare i nostri cuori ci avevano già pensato Silvia e Carlo con la loro calorosa accoglienza in quel di Portello dove ci siamo incontrati il sabato sera, prima di partire per un giro by night per le stradine e le piazze del centro di Padova che ricordano un po’ Venezia per lo stile dei palazzi e un po’ Bologna per i portici. E come marinai in giro per il mondo siamo sbarcati su un’Isoletta a cenare in allegra compagnia.
Un mega mega saluto a Silvia, a Carlo, a tutti gli organizzatori e un ringraziamento a Silvia per l’ospitalità . Salutoncici a tutti i pattinatori che abbiamo incontrato.

MANDI A DUCJ !
kisses and hugs
by Manolo

Look at… the pictures: rollerLove a Padova in piazza Prato della Valle

PANE E SKATES

Lo scorso fine settimana siamo stati ospiti di Mauro a Vicenza. La sera di sabato abbiamo potuto approfittare della notte bianca per farci un giro nel Centro Storico e ammirare piazza dei Signori, la Basilica Palladiana , il Teatro Olimpico e il ponte S.Michele sul Retrone . La mattina verso le 10.30 ci siamo trovati in viale Margherita vicino all’arco di Trionfo per partire lungo la ciclabile della Riviera Berica che abbiamo percorso fino a Lumignano. Qui mi si è aperto il cuore quando guardando i colli ho visto la mitica Falesia di Lumignano. Una fascia di roccia dove tutti i climber, + o – top, sognano di arrampicare. 😉
Ritornati sui nostri passi siamo passati vicino al lago di Fimon, lungo una strada leggermente in salita e con un asfalto viscidone assai. Poco dopo in un tratto in discesa Maura, una ragazza di Vi, è volata. Per noi è stato un momento tremendo. Per fortuna la presenza di una dottoressa ci ha permesso di soccorrerla e grazie alla moglie di Piero, che ci seguiva con il camper, abbiamo potuto portarla al Pronto Soccorso dell’ospedale. Naturalmente a Maura va tutto il nostro affetto e l’augurio che possa tornare a pattinare presto. Abbiamo proseguito alla volta del ristorante “Pane e Tulipani” immerso nei colli vicentini, apprezzando il menù scelto da Mauro. Ripartiti ci siamo scatenati lungo gli ultimi km dando fondo alle residue energie.
Un ringraziamento mega a Mauro per averci ospitati e per la splendida giornata
un saluto a tutti gli skaters che abbiamo incontrato

a presto
kisses and hugs
by Manolo

 LOOK AT... THE PICTURES

L’ERA DEGLI SKATES

>>>

ERA – DAY
ovvero
European Rollers Action – Day

 European Rollers Action - DAY L’idea sarebbe quella di avere una giornata in cui ci si trova,
ogni anno in una città diversa, per manifestare e sostenere
il pattino come mezzo di trasporto ecologico.
Che ne pensate?

The idea would be to have a Day where we can meet each other,
every year not in the same city, to show how rollers
are an ecological means of transport.
What about that?

>>>

SKATE AMARCORD

Un manipolo di una dozzina di gruini, armato della sola voglia di pattinare, è partito sabato scorso alla volta di Bologna, affrontando un temporale che in prossimità della meta oscurava completamente il cielo. Arrivati a destinazione ci siamo riuniti agli inBOskati del luogo che ci hanno accolto a braccia aperte con abbracci e baci dandoci ospitalità nelle loro dimore attrezzate per l’occasione. In serata tutto il manipolo si è ritrovato sui colli di Zola Predosa, nel locale “Nuovo Parco dei Ciliegi” , qui insieme a tutti gli altri inBOskati e non, tra una chiacchera e l’altra, oltre a conoscerci abbiamo potuto apprezzare il menù rustico della casa: il gustoso tris di primi piatti di stagione, le mitiche crescentine, le tigelle, gli affettati misti , lo squacquerone, i sottaceti, il pesto e la nutella. Dopo esserci rifocillati e aver sbevazzato in lieta compagnia siamo scesi in città e abbiamo inBOskato i mezzi. Nel frattempo il cielo aveva smesso di piangere, l’aria era tiepida e questo ha reso il nostro giro in centro molto piacevole. E così tra una pinta e l’altra, senza quasi accorgecene sono arrivate le tre. Poche ore di sonno e siamo già in piedi. Domenica mattina il sole splende c’è ancora qualche nuvoletta ma non ci preoccupa. Alle undici siamo al parcheggio di fronte al cimitero della Certosa. E mentre qualche bolognese va a portare i fiori ai propri cari, noi ci prepariamo per partire. Alle undici si parte, finalmente! Il giro inizia percorrendo le ciclabili della zona che attraversano i parchi e costeggiano il Reno. Verso l’una siamo ai Giardini Margherita dove ci facciamo tutti una bella Margherita e gustiamo i dolcetti che qualcuno ha portato. Questi Giardini sono bellissimi ci sono alberi secolari e c’è un mega piazzale dove i freestylers possono dare sfogo a tutta la loro creatività. Naturalmente qui volare è quasi un must! 🙂
Nel pomeriggio si parte alla volta del Centro storico. Siamo un biscione formato da una settantina di persone che si snoda lungo i portici e attraversa gli incroci con i Bolognesi che guardano un po’ sbigottiti. Quando rientriamo al parcheggio sono le cinque e noi siamo piacevolmente stanchi.
Ed eccoci a casa a ricordarci di ieri e non posso non fare
un grande saluto a Sabin e Marco, Negramaro e Totti che ci hanno ospitato,
ad Elena che con il suo sorriso e le sue spiegazioni ci ha guidato nel Centro storico,
a tutti gli skaters inBOskati e non con cui abbiamo pattinato.

Look at… the pictures: Pattinata a Bologna

a presto
kisses and hugs
by Manolo