Oh Romeo, Romeo

cussì suspirave Giulietta co Romeo, di sot il sô barcon, i diseve peraulis dolcis

Ma cuant e indulà e nâs la storie dei doi inamorâts?
Nus contin dut intun libri Albino Comelli e Francesca Tesei dal titul “Giulietta e Romeo. L’origine friulana del mito“.
E jere il 26 di Fevrâr dal 1511, cuant, inte fieste a palaç dai Savorgnan, Gigi Da Porto s’inamore di Lucine Savorgnan Del Torre. Ma la dì dopo, ven a stai il 27 Fevrâr 1511, in Friûl si discjadene un trement riviel, il riviel de “Crudêl zobie Grasse”, e lis lôr fameis a si cjatarin une cuintri di chê altre. Gigi Da Porto e contarà dute la storie intun libri e su cheste conte Shakespeare al fondarà la sô opare.

Look at… the photos: Dolce amistât

Dolce amistat

Luigi e Lucina

dolç amôr in Friûl

Inte glesie di S.Antoni a Udin e si pues viodi, fintremai il 17 di Març 2013, la mostre “Dolce amistà” dedeade a Luigi e Lucina i doi inamorâts furlans che a àn ispirât la storie autobiografiche “Giulietta” contade da Luigi da Porto par pandi il sô amôr par Lucina Savorgnan Del Torre finît malementri cuant intal 1511 al sclope il riviel de “Crudêl zobie Grasse” e lis lôr fameis a si cjatarin une cuintri di chê altre.

Look at… the photos: Luigi e Lucina

Dolce amistà @ Chiesa di S.Antonio UD

😎

OH ROMEO

…così sospirava Giulietta quando Romeo, sotto il suo balcone, le sussurarva dolci parole.

Ma come e, soprattutto, dove nasce la storia di Giulietta e Romeo ?
Nasce nel lontano 26 febbraio 1511 in quel di Udine, a palazzo dei Savorgnan quando Luigi Da Porto s’ innamora della bella cugina Lucina Savorgnan durante la festa del giovedì grasso. Un amore corripsosto ma che le lotte familiari di quel periodo renderanno impossibile.
La storia delle vicende dei due amanti verrà poi raccontata in una novella dallo stesso Da Porto. Ed è su questo racconto che Shakespeare si baserà per scrivere la sua opera.
Ora a distanza di quasi cinquecento anni Albino Comelli e Francesca Tesei hanno riscostruito quelle vicende nel loro libro “Giulietta e Romeo. L’origine friulana del mito”.
Chi l’avrebbe mai creso? 🙂