Dilunvie la ciclabîl Resiute – Pontêbe

une biele domenie di Jugn

La ciclabîl che da Resiute e mene a Pontêbe e côr indulà che une volte e pasave il tren, colegant la plane cun la mont, par chest fasintle in bici o cun i roller si cjatin cetantis galariis e puints altonons in fier. La matine cuant si jentre dentri une galarie si à une biele sensazion di fresc e cun i roller bisugne fâ atenzion all’asfalt un pôc sbrissot. Lis galariis a son cuasi dutis iluminadis ma e je ancje cualchidune dal dut scure e avonde lungje, par chest bisugnarès vê cualchi lûs par fâsi viodi. La ciclabîl a côr intal mieç di un biel bosc e da Resiute a Pontêbe e je dute di ribe sù. Fin a Scluse, ven a stai i prins 7.5 km, la pendence no je tante ma dopo e devente un pôc plui impegnative soredut di ribe jù cuant cun i roller si cjape une buine velocitât. A Sculse la viele stazion dai trens e je stade sistemade e chenti si pues fermâsi a bevi alc al bar e a cjapâ colôr sentâts di fûr. Passade la viele stazion dai trens di Dogne e lant viers Pieretaiade e je une biele sorprese par cui che al va cun i roller. Di fat, daspò vê passât i puints cun lis gradis in fier, une rampe di masegns, e lis galariis sbrissôsis si cjate une biele scjalinade che e puarte suntune strade asfaltade e di culì par tornâ lì de ciclabîl bisugne fâ dôs rampis. Pa gno cont, rivâts lì de scjalinade cun i roller e conven tornâ indaûr, po dopo viodêt voaltris ce che ur plâs di fâ…

Look at… the photos: La ciclabîl Resiute-Pontêbe

:mrgreen:

BENVIGNÛT 2015

…WELCOME 2015 !

I WISH ALL CLIMBERS AND 0000 SPEED SKATERS 0000 ALL OVER THE WORLD A HAPPY NEW YEAR !

An gnûf vite gnove, no stait mai a contentâsi di un cûr di seconde man, inalore ad alt i cûrs !

O tacarai chest an 2015 cuntun proponiment e cuntune riflession.

Il proponiment al è chel di judâ chei che a fasin fadure a lâ indenant inte vite e di combati la tindince, dal dì di vuê, di meti dongje masse ricjece intes mans di pocje int, tant che si ledi viers dai mûts di convivence indulà la int e rive a cjatâ lavôr e a mantignî la famee.
O pues dîsi, par esperience, che cumò e je int abenade che si profite de crisi par cirî di paiâ pôc i lavoradôrs, une robe tant plui triste par vie che si trate di lavoradôrs che a àn un lavôr a scjadince e che a àn a disposizion dai imprescj par fasi justizie une vore costôs e lents.
Biadelore che la int triste e finìs di rompi i cits !

La riflession impen e vên de savietât dal Orient lontan:
“La ativitât dai umign e va indenant cence padin; co e rive ae fin e torne di gnûf a scomençâ. Duncje e pues lâ indenant in perpetui. Cuant une ruede e à un as indulà zirâ, e pues lâ lontan. La ativitât de Nature e je une, cence disviaments; par la cuâl no fale.
Co la energjie dal cîl e ven jù e la energjie de tiare e va sù, yin e yang a comunichin, e compagn a fasin ducj i vivents.
Co i umign savis e stan intai puescj publics ad alt, i puars umign intal spirt a van vie; cheste e je la Vie dal cîl e de tiare.”

WELCOME 2015 ! Look at... the pictures about Grado

😎

Fuarce Friûl

sul puint e svintule bandiere zale/blu !

la patrie dal friul

Un bon proponiment par l’an che e ven al è chel di pandi la nestre identitât furlane, rivant ad ore a vinci la antighe vergogne di fevelâ la mari lenghe in public. Mi auguri che la int cuant che si cjate a scuele, par strade, intai lûcs publics e fasedi un piçul sfuarç e, cjapantle a pet, e feveli par furlan. Ma ancje che o tachin a lei e a scrivi par furlan. Si viodin ator dai libris di storie furlane indulà e je dome la jentrade par furlan, masse pôc par mantignî vive une lenghe, cuant e coventarès sedi scrivile sedi leile.
Nus fasarès ancje plasê che intai mass medie, come previodût de leç, a fossin plui spazis par il furlan. Cumò lu si scolte dome par Radio Onde Furlane e 30 minûts par la Rai regjonâl cuant che par altris lenghis minorizzadis i spazis a disposizion a son une vore di plui. Ma par meti in vore chest proponiment e bisugnarès puartâ la sede regjonâl de RAI a Udin e fâ in mût che i gjornaliscj a fossin di marilenghe furlane. Salacor no spindint cetancj bêçs par il teatri Verdi dal cjâf lûc cjarsulin, 14MLN di euros intal 2014, e invistint in culture furlane fuarte.
Une altre robe cetant triste a je stade la leç finanziarie de gnove zonte regjonâl che e gjave, magari cussì no, i finanziaments par l’insegnament dal furlan intes scuelis, lant cuintri dutis lis leçs di tutele dal furlan ma soredut pandint la politiche de çampe viers de lenghe e de identitât furlane. Par il 2015 il nestri proponiment e sarà inalore chel di domandà che il furlan e vegni doprât cetant che lenghe veicolâr intes scuelis dant la pussibiltàt a ducj di imparâ doprant la lenghe mari.
Ancjemò o vin di bataiâ par il non de nestre regjon. O vin voie che sedi dome Friûl. Parcè che un non al è cetant che cjalâsi intal spieli e viodi ce che o sin. E co o cjalìn intal spieli o viodin il Friûl nuie di plui e nuie di mancul. Par la cuâl lis peraulis Vignesie Julie no o rivìn ad ore a capì ce che e stan a fâ. Il podê di Vignesie al è finît da un toc, e ce che nus reste aromai a son dome i palaçs e par chel che al inten la peraule Julie, no si rive a cjatâ un segn intes cjartis gjeografichis. Par la cuâl o domandìn che la nestre regjon e sedi clamade Friûl e vonde.
Une altre riflession nus imponi chel che al è capitât in Friûl al Consorzi des Latariis Furlanis, che cumò al è passât di man deventant de Parmalat, e indulà si previôt che a laràn a cjase une vore di lavoradôrs. In Friûl a son aromai cetantis lis fabrichis che a sierin o a riduzin il numar dai dipendents tant che la situazion e devente simpri plui grivie par vie che cetancj lavoradôrs a àn un contrat a scjadince cun paiis une vore bassis. Si che duncje e sarès ore che la cuistion dal lavôr e vignedi cjapade sul seri mudant lis regulis dal zûc e dant la pussibilitât al sisteme di lâ indenant tignint front ae concorence e permitint a cui che al lavore di puartâ a cjase une paie buine par vivi.
Par di plui i sorestants a van ator a dîsi che a tegnin a la mont e che a fasaran alc par jê ma di fat a àn sierât il Tribunâl di Tumieç gjavant tancj puescj di vore e cumò a son daûr a sierâ ancje il prin socors di Glemone in graciis di une riforme sanitarie che e puarte a centralizâ cuasi ducj i servizis intal ospedâl di Udin bandonant i ospedâi di Latisane, Cividât e Glemone, magari cussì no.
O crodin che par i furlans e sedi dome une pussibilitât par saltâ fûr di cheste situazion cetant nereose, deventâ une regjon autonome cjapant a model la Catalogne indulà i catalans a àn a disposizion cetancj mass media inte lôr mari lenghe, e indulà ducj a fevelin par catalan.
E voaltris cuâi proponiments vêso fat pal 2015 ?

Fuarce Friûl !

BON FINIMENT E BON PRINCIPI A DUCJ !
e un an plen di fortune cun buine lune !

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

Bon finiment e Bon principi

😎

Cors patinaç corse

Istitût Bearzi di Udin

Domenie passade a si è concludût il cors di patinaç corse, li dal centri Bearzi di Udin, tignût dal istrutôr Paoli Bomben dal trop skating Comine di Pordenon, un patinadôr cetant bulo che nus à mostrât la tecniche juste par cori cun i patins.
Un graciis a Carla dal trop inlineskateschool di Udin par vê inmaneât un cors cetant istrutîf.
Mandi a ducj !

Corso di pattinaggio corsa

:mrgreen:

Fieste de Patrie dal Friûl

il leam cun lis nestris lidrîs

Il 3 di Avrîl dal 1077, co il patriarcje di Aquilee Sigjeart di Tengling al ricêf a Pavie la investidure feudâl bande di Indrì IV, al nas il Stât Patriarcjâl furlan, ven a stai la Patrie dal Friûl, une istituzion che e larà indenant fintremai il XVIII secul. Il stât feudâl, une vore plui grant dal Friûl di vuê, tal imprin al jere vuidât dai patriarcjis di divignince todescje e a darà cetant lustri ae nestre tiere tant di fâle deventâ un pont di riferiment economic, politic e culturâl a nivel european. Il pês che e veve la Patrie i à permetût ai patriarcjis di no interessâsi di papis e rês. Di fat Ricart Cûr di Leon chenti al è stât fat presonîr di Gofrêt, tant che al cirive di tornâ viers cjase, di li si dîs che e sedi nassude le conte di Robin Hood.
Si che duncje, cul fat che il patriarcje Sigjeart tal 1077 nol jere plui dome vescul ma ancje cont, e scomence la storie dal Stât indipendent furlan de Ete di Mieç.
Dal 1077 indenant, il Friûl al è un Stât tant indipendent che al à parfin un parlament. Nô o vin i documents di une riunion dal parlament furlan vincj agns prin di chel che i storics talians e inglês a disin che al è il parlament inglês. Dal 1200 nô o vevin za il parlament, ma il nestri nol jere come chel inglês. Chel al veve une sole funzion: che il re nol podeve imponi une tasse e tirâle, cence che i siôrs si metessin dacuardi su cui che al veve di paiale. Nuie altri!
Culì no; culì, intant, il patriarcje al è dome il president e al è obleât a ubidî a ce che il parlament al decît. Seconde robe: tal nestri parlament no son dentri dome siôrs, ma a son ancje lis libaris comunitâts, i comuns, come Udin, Glemone e Cividât. Tierce robe: nissun al po tignî un esercit cence il permès dal parlament.
Il parlament furlan tacât in che epoche li e larâ indenant fintremai tal 1420.
Cumò, daspò 937 agns, in Friûl si fâs fieste par ricuardâ lis nestris lidris, inalore ve culì dulà si pues lâ:

1. Ladins dal Friûl
2. Provincie di Udin (pdf)
3. Comun di Udin

Fuarce Friûl, simpri !

Fieste de Patrie dal Friûl

😎

La crete da la mont Stele

Tarcint (UD)

In graciis dal lavôr fat di doi zovins climber, Luciano Regattin e Giuliano Moscatelli, e je nassude la crete da la Mont Stele dongje Tarcint (UD). Cjaminant dilunc il troi, che al tache propit li dal numâr 5b a Malamaserie, si rive ae biele parêt Sud de crete indulà si cjatin cetantis viis ben furnidis cun spit inox. Ma la crete e va sù inte direzion Est, e ancje culì a si cjatin des bielis viis che a misdì a son za in ombrene. In dut a son une ventine di viis e cualchidune e spiete ancjemò di jessi liberade. Par la cuâl se o vês voie di insiorâ il vuestri zei di onsight chest al è il puest just par fâlu. La crete al è un calcâr une vore biel e e je la pusibilitât di meti adun altris viis. Co o lait a viodile visaitsi di puartâ alc par netâ vie il polvar, e di tignî simpri il casc sul cjâf parcè che al pues jessi che cualchi piçul clap e ven jù. Un ringraciament a Luciano e Giuliano par il biel lavôr fat, o vin viodût cetante elare o vês gjavât, e… buine rimpinade a ducj ! 😉

Look at… the photos: Falesia del Monte Stella

Falesia del Monte Stella a Tarcento (UD)

😎

Il riviel dal 1511 in Friûl

la crudêl zobja grassa

il riviel dal 1511 Tal 1511 la Joibe Grasse e colave juste ai 27 di Fevrâr e, ta chê zornade, si invià il riviel plui grues de storie dal Friûl.
Stiçats de false gnove, butade fûr di Toni Savorgnan, che i filoimperiâi a jerin rivâts a Pradaman, cetancj contadins plens di marum a tacarin un riviel cuintri dai nobii udinês. La prime cjase a colâ e fo propit chê dai Della Torre (i Troians), che a stavin de bande dai nobii e dai borghês.
In bandis di vuerilie, i contadins a cjaparin, a meterin a sac e a brusarin cjistiei e palaçs ator par dute la Patrie tant che chei di Vilalte, Murùs, Çopule, Voleson, Spilimberc, Colorêt, Susans, Madrîs, S.Denêl, Feagne, Tarcint e v.i. A bonâ il dut a rivarin il taramot dai 26 di Març che al sdrumà il cjistiel di Udin e la gjandusse che a faserin miârs di muarts.
Il riviel al fo inneât tal sanc, ma lis comunitâts furlanis a cjaparin cussience de lôr fuarce. Une fuarce che ur permetè di tratâ la lôr poie militâr a Vignesie daûr dal rispiet dai lôr dirits e che, cualchi an plui tart, e fasè nassi la Contadinance, orghin rapresentatîf des comunitâts rurâls cence avuâi in Europe. Inalore, par nô furlans, chê dai 27 di Fevrâr, e je la date miôr par celebrâ la Zornade Furlane dai Dirits.
A cheste zornade, che chest an e cole propit di joibe cetant che 503 agns indaûr, radio Onde Furlane e dedearà lis trasmissions dal 27 Fevrâr 2014 par ricjatâ cussience e braure di cui che o sin, par no dismenteâ che i furlans a àn savût lotâ pai lôr dirits.

Fuarce Friûl, simpri !

Casa della Contadinanza a Udine

😎

Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane

… @ Universitât dal Friûl (UD)

A Udin inte sale dal Tiepolo, palaç Caiselli, intal androne Florio, 2, miercus 26 di Fevrâr 2014 aes 15.00 e sarà la cunvigne:
Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane.
La cunvigne e je inmaneade dal Cirf cun la poie dal Club Unesco di Udin.

Plui informazions: Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane

Convegno: Tutela e valorizzazione del paesaggio e del colore  della cultura friulana

:mrgreen:

Montagnis: dopradis o vivudis?

intal cuartîr Sant Paoli a Udin

Usgnot, vinârs 21 Fevrâr 2014 aes 21.00, inte suaze de XXX Rassegne dal cine di Montagne intal Auditorium Menossi, in vie S.Pieri 60, a Udin al sarà l’incuintri cun il pari de rimpinade sportive e autôr dal mitic libri “Cento nuovi mattini” Alessandro Gogna.
L’incuinti e varà come teme: “Montagne: dopradis o vivudis?”.

Look at… facebook event: Montagne, usate o vissute?

XXX Rassegna del cinema di montagna a Udine

😎

Fuarce Friûl

sul puint e svintule bandiere zale/blu !

la patrie dal friul

Un bon proponiment par l’an che e ven al è chel di pandi la nestre identitât furlane, rivant ad ore a vinci la antighe vergogne di fevelâ la mari lenghe in public. Mi auguri che la int cuant che si cjate a scuele, par strade, intai lûcs publics e fasedi un piçul sfuarç e, cjapantle a pet, e feveli par furlan. Ma ancje che o tachin a lei e a scrivi par furlan. Si viodin ator dai libris di storie furlane indulà e je dome la jentrade par furlan, masse pôc par mantignî vive une lenghe, cuant e coventarès sedi scrivile sedi leile in plui di fevelale.
Nus fasarès ancje plasê che intai mass medie, come previodût de leç, a fossin plui spazis par il furlan. Cumò lu si scolte dome par Radio Onde Furlane e 10 minûts par la Rai regjonâl cuant che par altris lenghis minorizzadis i spazis a disposizion a son une vore di plui. Ma par meti in vore chest proponiment e bisugnarès puartâ la sede regjonâl de RAI a Udin e fâ in mût che i gjornaliscj a fossin di marilenghe furlane. Salacor no spindint cetancj bêçs par il teatri Verdi dal cjâf lûc cjarsulin, 14MLN di euros intal 2014 cuant che ae Radio Onde Furlane a vegnin gjavâts 40.000 euros, e invistint in culture furlane fuarte.
Une altre robe cetant triste a je stade la leç finanziarie de gnove zonte regjonâl che e gjave, magari cussì no, i finanziaments par l’insegnament dal furlan intes scuelis, lant cuintri dutis lis leçs di tutele dal furlan ma soredut pandint la politiche de çampe viers de lenghe e de identitât furlane. Par il 2014 il nestri proponiment e sarà inalore chel di domandà che il furlan e vegni doprât cetant che lenghe veicolâr intes scuelis dant la pussibiltàt a ducj di imparâ doprant la lenghe mari.
Ancjemò o vin di bataiâ par il non de nestre regjon. O vin voie che sedi dome Friûl. Parcè che un non al è cetant che cjalâsi intal spieli e viodi ce che o sin. E co o cjalìn intal spieli o viodin il Friûl nuie di plui e nuie di mancul. Par la cuâl lis peraulis Vignesie Julie no o rivìn ad ore a capì ce che e stan a fâ. Il podê di Vignesie al è finît da un toc, e ce che nus reste aromai a son dome i palaçs e par chel che al inten la peraule Julie, no si rive a cjatâ un segn intes cjartis gjeografichis. Par la cuâl o domandìn che la nestre regjon e sedi clamade Friûl e vonde.
Une altre riflession nus imponi chel che al è capitât in Friûl ad un lavoradôr dal Consorzi des Latariis Furlanis, Giuseppe Bassi di Godie, cuant si è gjavât la vite, che altre dî, par vie di un futûr nereôs denant di lui, stant che il Consorzi al è daur a traviersâ une crisi e si previôt che a laràn a cjase un centenâr di lavoradôrs. In Friûl a son aromai cetantis lis fabrichis che a sierin o a riduzin il numar dai dipendents tant che la situazion e devente simpri plui grivie par vie che cetancj lavoradôrs a àn un contrat a scjadince cun paiis une vore bassis. Si che duncje e sarès ore che la cuistion dal lavôr e vignedi cjapade sul seri mudant lis regulis dal zûc e dant la pussibilitât al sisteme di lâ indenant tignint front ae concorence e permitint a cui che al lavore di puartâ a cjase une paie buine par vivi. Ma par cumò, dulà o vin di lâ par cjatâ lavôr ?
E voaltris cuâi proponiments vêso fat pal 2014 ?

Fuarce Friûl !

BON FINIMENT E BON PRINCIPI A DUCJ !
e un an plen di fortune cun buine lune !

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

😎

FLK @ Suns 2013

Teatri Palamostre di Udin

Domenie, 01 Dicembar 2013, al Teatri Palamostre di Udin inte suaze de manifestazion Suns, si à podût scoltâ la gnove musiche furlane. A vierzi il conciert il grup dai FLK cun il funambul de ghitare Stiefin Montello e la cetant bule cjantadore Cristine Mauro, che a nus àn fat scoltâ dai tocs une vore preseâts de lôr racuelte rivant a sedusi la int cun une musiche che e à un leam une vore fuart cun lis lidrîs furlanis ma al timp stes e je buine di cjalâsi intor par creâ une melodie che inmaghe.
Il toc sunât par prin, che si pues scoltâ intal filmut, al è stât dedeât al poete furlan Federico Tavan.

Look at… the movie: FLK @ Suns – Teatro Palamostre di Udine

FLK @ Suns - Teatro Palamostre di Udine

😎

Maratonina di Udine 2013

la corse plui veloce di dute la Italie

Inte suaze de XIV Maratonine di Udin e jere ancje la corse di 20 km cun i patins a rodelis che e partive da place Zardin Grant a Udin e passave par Felet, rivant fintremai Tavagnà, tornant indaûr par Culugne, passant dongje dal Stadi Friûl, zirant intor dal centri de citât e tornant in place. Ae corse o vin partecipât in dîs ducj dal trop di Udin dal Gru. La corse nus à impegnât a vonde par vie che daur di nô a rivavin chei de maratonine par la cuâl e bisugnave rivâ a fasile dentri di une ore. Chei plui bulos e son rivâts a fâle in 45’/50′ minûts tant che jo o ai impleât une ore, rivant intune cun il prin coridôr dal Kenya che però al coreve a pît, e e rivave a fale intal timp record di 59’06” cuasi volant su la pavimentazion di asfalt.
Ancje nô, come ducj chei che a àn partecipât, o vin voie di dedeâ la nestre corse a Silvia Gobbato, la puare fantate copade dilunc dal troi de “ippovia”, e a dutis lis feminis che a patissin des violencis.

Mandi di cûr, Silvia !

Look at… the photos: Maratonina di Udine 2013

Il gruppo roller udine alla Maratonina di Udine 2013

Arte a KM zero

1^ expo d’arte sostenibile

Dal 31.05.2013 al 29.06.2013 presso il Teatro Palamostre di Udine c’è la mostra “ARTE KM ZERO” ovvero la 1^ Expo d’Arte sostenibile. 80 le opere esposte da artisti di Udine e dintorni con materiali di riciclo e recupero. Oltre alla mostra ci sono laboratori x bambini, incontri con gli artisti e gite a km variabile.
Domenica, 23.06.2013, c’è stata la gita a Cividale del Friuli con la visita all’atelier dell’artista Giorgio Benedetti, che realizza molte delle sue sculture ispirandosi alla natura e utilizzando materiali presi in loco. Un artista molto apprezzato in Germania e in Austria ma forse ancora poco conosciuto in Friuli, tanto x non smentire il detto nemo profeta in patria. Il suo attuale laboratorio si trova all’interno di una corte a Cividale e il fabbricato, ora ristrutturato, era un ex fienile. Una bella coincidenza xk anche quando era a stare sul Matajur lavorava in un ex fienile. Questo testimonia il suo forte legame con l’ambiente rurale, la natura ma anche la sua volontà e capacità di recuperare dei manufatti locali di notevole valore. Giorgio ci ha raccontato di come il Matajur, che ora appare brullo, non lo fosse sempre stato. Infatti, forse pochi lo sanno, era ricoperto da castagni e faggi fino a quando la Repubblica di Venezia non ha deciso di utilizzarli x le costruzioni e x le carbonaie. Per cui i friulani non solo hanno dovuto subire il dominio politico dei veneti e la loro colonizzazione linguistica ma anche la distruzione dell’ambiente.
Nel pomeriggio il giro è continuato con la visita all’azienda agricola “Ronco Albina” di Spessa dove Marco ci ha parlato della sua attività di giovane coltivatore e dell’attività svolta con la fattoria didattica e il B&B.
Una giornata molto interessante passata tra arte e natura e dove non sono mancate le emozioni.

Look at… the photos: Arte KM zero a Cividale del Friuli (UD)

Look at... the photos: Arte a KM zero @ Cividale del Friuli (UD)

😎

Agenzia delle Entrate e Inps

ovvero una storia di ordinaria amministrazione pubblica

Tutti sappiamo che l’amministrazione italiana non brilla certo per efficienza ma che si arrivasse fino a questo punto non lo avrei mai pensato…
Questa la storia che è capitata a mia madre. Lei fa la dichiarazione dei redditi con il modello 730 e una parte delle tasse le vengono trattenute direttamente dall’Inps sulla pensione e per la parte restante l’Inps invia un modulo F24 con l’importo che resta da pagare e che non è stato possibile trattenere sulla pensione. Ma alla fine del 2011, quando in novembre è subentrato il governo tecnico e all’ultimo momento sono state modificate le aliquote x calcolare la seconda rata dell’Irpef, l’Inps ha inviato in ritardo il modulo e nella lettera che lo accompagnava si indicava come termine di pagamento il mese di gennaio 2012. Nell’importo da pagare e che costituiva la seconda rata dell’Irpef mi sembra fossero compresi anche gli interessi per il ritardo. Ma adesso a distanza di più di un anno è arrivata una lettera dall’Agenzia delle Entrate dove si dice che per il ritardo del pagamento di quella rata dell’Irpef bisognerà pagare la sanzione + gli interessi. In poche parole le toccherebbe pagare per un ritardo che è imputabile allo stesso Stato, una cosa assurda che spero di riuscire a chiarire quando andrò a parlare in Agenzia questa settimana.
Cmq sembra proprio che facciano di tutto per rendere difficile la vita ai cittadini e che cerchino di approfittare del fatto che in questi casi difendersi non sia facile. Adesso vedremo come andrà.
Se qualche giornalista è interessato a questa storia posso fornire anche tutta la documentazione.

piazza S.Biagio a Cividale del Friuli

😈

Rollerfest 2013

… @ UDINE ( North-East of Italy )

Sabato e domenica 01/02 giugno 2013 la 5^ edizione della Rollerfest ha animato piazza 1° Maggio a Udine. Sabato pomeriggio è stata presentata la 1^ edizione della Udin&Battle appartenente al circuito WSS, dove i freestylers hanno dato vita ad una bella battaglia danzando intorno ai birilli.
La domenica mattina, invece, è stata animata da un lungo biscione rosso che si è snodato lungo le vie di Udine e che ha visto la partecipazione di pattinatori provenienti anche dalla vicina Slovenia e dall’Austria confermando la vocazione transnazionale della nostra regione. Tutti insieme x mostrare come i pattini possano essere un mezzo di trasporto alternativo e sostenibile in città sempre più soffocate dal traffico automobilistico. Nel pomeriggio si è svolto il campionato del Nord-Est di Inline Alpine Slalom e le esibizioni di cross, freestyle e jump che ha visto un pattinatore superare l’asticella posta a 2m di altezza.
Ma a parte i gesti atletici e le battaglie intorno ai birilli è stato bello ritrovarsi tutti insieme a condividere uno sport adatto a tutti.
Un ringraziamento di cuore va a tutti quelli che hanno partecipato sobbarcandosi un lungo viaggio per arrivare a Udine ma in particolare un grazie al Gruppo Roller di Udine che anche quest’anno ha fatto un gran bel lavoro per la riuscita dell’evento.

Mandi a ducj !

Next is… Rollerfest 2014 !

Look at… the movies:
1. Rollerfest 2013 @ Udine
2. 1^ Udin&Battle – freestyle @ Udine

Look at... the movie: Rollerfest 2013 @ Udine

😎

Udine Motori

@ Martignacco di Torreano (UD)

Nel quartiere fieristico udinese quest’anno la fiera/mercato dell’usato Udine Motori 2013 ha presentato un’intero padiglione dedicato alle auto e moto d’epoca, oltre ad un settore dove erano esposti i motorini che hanno fatto la storia degli anni 60/70. Malanca, Minarelli, Testi e Morini facevano bella mostra di sé, facendo rivivere ai visitatori, non + giovanissimi, quegli anni. Tra le auto d’epoca la Traction Avant, prodotta della Citroën negli anni ’30, e diventata il modello d’auto utilizzato in molte strisce di fumetti, la Fiat 509 utilizzata negli anni ’30 dai gangsters, e la piccola Heinkel Kabine restata in circolazione solo qualche anno non essendo molto sicura.
Tra le moto la Guzzi, rimessa completamente a nuovo con dei freni da paura simili ai freni della bici, le bellissime Gilera prodotte ad Arcore, eh già qualcosa di buono viene anche da là, le Norton dei tristi anni ’20/’30 e la mitica MV Augusta.

Look at… the photos: Udine Motori 2013

Foto gallery: fiera Udine Motori 2013

😎