Il cistjel di Ahrensperg

o Cistjel dall’Acuile

La strade che e côr dilunvie la rive drete dal Nadison dal puint di S.Quirin fintremai a Pulfar e passe par une zone di fortificazions de ete tarde-romane clamade Vallum Alpium Iuliarum. Di fat cheste strade rivant fin te valade dal Lusinç e jere impuartatone par la cuâl si pense che a sedin stâdis fatis sù une vore di tors par fâ segnalazions, ancje se cumò di dut chest si cjate ben pôc.
Rivant a Biacis, dongje de glesiute di S. Jacum, si cjate il cistjel di Ahrensperg, di ete almancul Langobarde o forsit ancje anteriôr, che apartignive ae int gjermaniche ma che al è stât cjapât da Cividât e po dopo butât jù dal patriarcje Ludovico della Torre intal 1364, e i taramots dal 1511 e 1513 a finirin la opare. Ma si salvarin lis muris che a centavin il cistjel e lis dôs tors. La tor plui piçule, indulà si metevin i prisonîrs, e je chê che o viodin cumò invezit chê altre e fo dal dut butade jù cuant la fabriche di ciment Italcementi e costruî une ferade par puartâ il ciment fûr de gjave di Tarcete.
Intai ultins agns la Universitât dal Friûl al à fat dai sgjâfs archeologjics par cirî di capî la estension dal sît, rivant ad ore a cognossi indulà che si cjatave la tor grande e l’abitazion principâl e permetint la parziâl ricostruzion par cont dal atuâl proprietari. A son stadis, cussì, tiradis sù cuasi dutis lis muris, la piçule tor e l’abitazion secondarie, in plui a son daûr a fâ sù il piçul palatium dal cistjel.
Il troi che e puarte al cistjel al continue e al rive, cuant che al è in bon stât, fintremai ae glesiute di S. Zuan dal Landri.

Look at… the photos: Il Castello di Ahrensperg

Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane

… @ Universitât dal Friûl (UD)

A Udin inte sale dal Tiepolo, palaç Caiselli, intal androne Florio, 2, miercus 26 di Fevrâr 2014 aes 15.00 e sarà la cunvigne:
Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane.
La cunvigne e je inmaneade dal Cirf cun la poie dal Club Unesco di Udin.

Plui informazions: Tutele e valorizazion dal paisaç e dal colôr de culture furlane

Convegno: Tutela e valorizzazione del paesaggio e del colore  della cultura friulana

:mrgreen:

Il professor Petracco

una vita per l’Università del Friuli

Il professor Petracco
di Roberto Meroi – editrice Leonardo

( 2006)

la patrie dal friul

Forse attraversando Largo Tarcisio Petracco, il piazzale di fronte all’Università di Udine, non tutti gli studenti ricordano che è proprio grazie a Petracco ( 29.marzo.1910 – 05.gennaio.1997 ) che oggi possono frequentare l’Università di Udine. Negli anni settanta chi voleva iscriversi a Medicina, Ingegneria o a qualsiasi altra Facoltà tranne quella di Lingue doveva migrare. E questo significava, per le famiglie friulane, fare molti sacrifici per mantenere agli studi i propri figli che una volta laureati restavano molto spesso a lavorare nelle città dove avevano studiato.
Nel libro di Roberto Meroi, edito da Leonardo, si racconta la biografia romanzata del professore Petracco. Insegnante di Lettere allo “Stellini”, amante del greco antico tanto da andare spesso in Grecia con la propria auto per visitare i luoghi raccontati nei classici della letteratura. Petracco si è impegnato fin dalla seconda metà degli anni sessanta per l’Università a Udine. Nel ’76, dopo anni di inutili richieste ai politici regionali e nazionali, inizia la raccolta di firme a sostegno dell’iniziativa di legge popolare per l’istituzione dell’Università autonoma di Udine. In quell’occasione furono raccolte oltre 125.000 firme che rappresentarono un successo un po’ inaspettato, viste le difficoltà che si dovevano affrontare per raccolglierle. Gli unici due modi erano le segreterie comunali e i banchetti dove era necessaria la presenza di un un notaio, che spesso all’ultimo momento dava forfait. Il tempo per raccogliere le firme era di soli tre mesi e in quell’anno ci fu il terremoto, l’orcolat, che capitò proprio quando la raccolta era già iniziata da poco più di un mese. Ma la gente si rese conto dell’importanza dell’iniziativa e nella tendopoli di Gemona furono raccolte ben 3.500 firme. Il vescovo Battisti sosteneva l’iniziativa e davanti alle chiese si poterono allestire i banchetti. Durante la manifestazione per le vie di Udine a sostegno della legge del ’77 sulla ricostruzione, il vescovo Batttisti diede la propria approvazione al corteo scendendo in p.zza Patriarcato davanti al palazzo arcivescovile e pronunciando alcune parole di sostegno all’iniziativa. Ma la Facoltà di Medicina verrà istituita a Udine soltanto nel ’82 con la terza legge sulla ricostruzione questo perchè qualcun’altro remava contro. Trieste, infatti, si è opposta fin dall’inizio all’istituzione dell’Università autonoma di Udine e probabilmente lo continua a fare ancora oggi. Infatti, in questi ultimi anni, quando Udine ha chiesto di istituire la Facoltà di Architettura, la Facoltà è stata istituita prima a Trieste e dopo a Udine che si è dovuta accontentare di un indirizzo all’interno della Facoltà di ingegneria.
Questo libro rende omaggio al professore Petracco per quello che ha fatto per tutti i friulani. Adesso spetta a noi continuare la sua battaglia difendendo la nostrà identità culturale e la nostra Università friulana e popolare che nonostante il suo valore è ancora sottofinanziata.

MANDI DI CÛR !