Il cistjel di Ahrensperg

o Cistjel dall’Acuile

La strade che e côr dilunvie la rive drete dal Nadison dal puint di S.Quirin fintremai a Pulfar e passe par une zone di fortificazions de ete tarde-romane clamade Vallum Alpium Iuliarum. Di fat cheste strade rivant fin te valade dal Lusinç e jere impuartatone par la cuâl si pense che a sedin stâdis fatis sù une vore di tors par fâ segnalazions, ancje se cumò di dut chest si cjate ben pôc.
Rivant a Biacis, dongje de glesiute di S. Jacum, si cjate il cistjel di Ahrensperg, di ete almancul Langobarde o forsit ancje anteriôr, che apartignive ae int gjermaniche ma che al è stât cjapât da Cividât e po dopo butât jù dal patriarcje Ludovico della Torre intal 1364, e i taramots dal 1511 e 1513 a finirin la opare. Ma si salvarin lis muris che a centavin il cistjel e lis dôs tors. La tor plui piçule, indulà si metevin i prisonîrs, e je chê che o viodin cumò invezit chê altre e fo dal dut butade jù cuant la fabriche di ciment Italcementi e costruî une ferade par puartâ il ciment fûr de gjave di Tarcete.
Intai ultins agns la Universitât dal Friûl al à fat dai sgjâfs archeologjics par cirî di capî la estension dal sît, rivant ad ore a cognossi indulà che si cjatave la tor grande e l’abitazion principâl e permetint la parziâl ricostruzion par cont dal atuâl proprietari. A son stadis, cussì, tiradis sù cuasi dutis lis muris, la piçule tor e l’abitazion secondarie, in plui a son daûr a fâ sù il piçul palatium dal cistjel.
Il troi che e puarte al cistjel al continue e al rive, cuant che al è in bon stât, fintremai ae glesiute di S. Zuan dal Landri.

Look at… the photos: Il Castello di Ahrensperg

Mirinde cun lis jerbis 2014

dilunc i comunâi di Faedis (UD)

Il 25 di Avrîl e il 04 di Mai 2014 o sin lâts ator par i comunâi di Faedis cun Rita dal ristorant “Ai nove Castelli” di Faedis, che nus à contât cemût doprâ lis jerbis salvadiis. Cussì o vin scuviert che dilunc dai trois a si cjatin cetantis jerbis che si puedin doprâ in cusine ma bisugne cognossile par no cjapâ sù chês velenosis. Il tamar e il urtiçon a fasin un zermuei che si pues doprâ cetant che un sparc intai risots, ma il tamar al à lis fueis in forme di cûr e e à di jessi bulît prin di doprâlu cuant che il urtiçon al è plui ruspiôs cun sfueis a trê pontis simii a chês de cannabis. La talate o pissecjan e je une jerbe garbe doprade par fâ salate. E intal filmut si viodin cetantis altris jerbis che si puedin doprâ…
Inte prime jessude o sin lâts ator par i comunâi che si cjatin su lis culinis denant dal ristorant e ae fin dal zîr o sin rivâts intun roncûl indulâ nus spietave il gustâ improntât da Matteo il cogo dal ristorant, e di bevi a jerin i sirops di saût, sedi chel blanc fat cun lis rosis sedi chel ros fat cun lis pomulis, fats da Rita.
La seconde jessude e je stade fate dilunc il troi che al mene al cjstiel di Zucco ristruturât, parzialmentri, da cualchi an e indulâ o vin podût fermâsi a gustâ il vuardi cun lis jerbis, un pastiç di lasagnis e altris robis cetant buinis. Tant che intal salon dal cjstiel si podeve scoltâ un zovin duo, il “Progetto corde”, in conciert. Il timp une vore biel nus à permitût di gjoldi a plen des dôs zornadis stant in legre compagnie. Un graciis a Matteo e Rita, alla Pro Loco di Colorêt e al circul Legambiente di Udin par ve organizât lis dôs jessudis.
Mandi a ducj !

Look at… the photos: jerbis 2014

Look at… the movie 2013: Le erbe selvatiche @ Faedis (UD)

Look at... the movie: Le erbe selvatiche @ Faedis (UD)

😎

I castelli nella terra dei Patriarchi

…@ Soffumbergo, Faedis (UD)

Da Campeglio, salendo x via Castellana, si arriva al castello di Soffumbergo. Un Castello costruito nel XI secolo e diventato residenza estiva del Patriarca di Aquileia che dopo essersi trasferito a Cividale del Friuli, passava l’estate a Soffumbergo. Qui il Patriarca firmò il decreto con cui istituiva il mercato di S.Caterina di Udine, quello che poi diventerà la conosciuta fiera di S.Caterina. Qui si riuniva il Parlamento del Friuli. Un castello politicamente molto importante, quindi, costruito su una roccia aguzza, infatti, come ci dice il toponimo, “Soffumbergo” deriva dal tedesco medievale “Sharfenberg”, che significa “Monte aguzzo” o “Rocca Aguzza” e dotato di un ponte levatoio e di una cappella. Quest’ultima restaurata e probabilmente ampliata di recente. Il castello sarà distrutto dai cividalesi nel 1420 x cui sono visibili solo le fondamenta delle torri, del recinto e della domus residenziale.
A Faedis il sentiero che parte da Borgo Sant’Anastasia, sulla strada per Canal di Grivò, porta ai castelli di Cucagna e di Zucco, entrambi costruiti dalla famiglia dei Cucagna pseudonimo di fantasia che indicava la potente famiglia degli Auspergh. Il castello di Cucagna fu costruito nel 1027 allorché il Patriarca Popone diede il permesso a Odorico di Auspergh, nobile carinziano, di erigerlo. Attualmente è in fase di restauro ma molte parti sono già visibili. Superato il portone + esterno si entra in una piccola corte dove si salgono delle scale che portano al cortile principale, e in questo passaggio si ha come l’impressione di essere catapultati in pieno medioevo. Dal cortile è possibile accedere a diversi locali e alla piccola e suggestiva cappella di S.Giacomo il cui simbolo è la conchiglia scolpita sopra l’ingresso. Ancora in fase di restauro è l’imponente torre interna e le mura che la circondano. Il castello venne costruito in questo punto xk da qui si riusciva a controllare una importante via di accesso alla pianura friulana e cioè il passo a monte di Canebola.
Nel 1248 la stessa famiglia di Cucagna costruì il castello di Zucco + a valle, che sarà collegato da una ampia muraglia al castello di Cucagna dando così l’impressione, a chi cercava di arrivare in Friuli, di trovarsi di fronte ad una mega fortezza. Il restauro del castello di Zucco è a buon punto e si pensa che presto potrebbe diventare sede di una scuola di restauro, di una sala convegni e forse anche di un centro commerciale, “magari cussì no ! “.

Look at… the movie: “I castelli di Soffumbergo, di Zucco, di Cucagna

Look at... the movie: I Castelli di Soffumbergo, di Zucco, di Cucagna

😎

Scjaraçule Maraçule

QUANDO LA MUSICA E’ MAGICA

Scjaraçule Maraçule
la lusigne la cracule
la piçule si niçule
di polvar a sì tacule

O scjaraçule maraçule
cu la rucule e la cocule
la fantate e je une trapule
il fantat un trapolon

Una bella serata di musica e danza al Castello di Udine nel salone del Parlamento dove si sono esibiti lo scorso settembre l’Ensemble Musica Historica di Budapest, l’Ensemble Dramsam del Friuli e il Gruppo di danza antica della accademia J. Rudel.
E’ stato presentato un itinerario tra musica e danza nell’Europa del ‘500 attraverso le musiche del musico e abate Giorgio Mainerio e del compositore Martino da Como.
Nel video si può vedere e ascoltare “Schiarazula Marazula” di G. Mainerio un brano popolare friulano tra i + belli.

Look at… the video

Look at... the video Schiarazula

😎

UN CAVALLUCCIO MARINO

… NEL MARE DELLE VIGNE DEL COLLIO

L’arpa sembra ondeggiare nel mare come un cavalluccio marino qd le sue corde sono toccate dalle dita di Emanuela Battigelli.
Emanuela è una giovane arpista friulana di Gemona che si è diplomata al Conservatorio Tomadini di Udine e si è perfezionata a Tel Aviv. Ha appena pubblicato un Cd, “A Fairy’s Love Song“, che ha presentato con un concerto al Castello Formentini di San Floriano del Collio. Nell’album sono raccolte alcune interpretazioni di brani tradizionali irlandesi, melodie del Medio Evo e del Rinascimento italiano e francese.
I brani presentati nel Cd sono molto belli ma è soprattutto l’interpretazione di Emanuela che li rende speciali riuscendo a comunicare in chi li ascolta dolcezza, amore, nostalgia e gioia.

Ecco il video dove potete ascoltare due brani tradizionali irlandesi

😎

SCHIARAZULA

MARAZULA

Scjaraçule Maraçule
la lusigne la cracule
la piçule si niçule
di polvar a sì tacule

O scjaraçule maraçule
cu la rucule e la cocule
la fantate e je une trapule
il fantat un trapolon

Una bella serata di musica e danza quella di ieri sera ( 09.09.09 ) al Castello di Udine nel salone del Parlamento dove si sono esibiti l’Ensemble Musica Historica di Budapest, l’Ensemble Dramsam del Friuli e il Gruppo di danza antica della accademia J. Rudel.
E’ stato presentato un itinerario tra musica e danza nell’Europa del ‘500 attraverso le musiche del musico e abate Giorgio Mainerio e del compositore Martino da Como.
Nel video si può vedere e ascoltare “Schiarazula Marazula” di G. Mainerio un brano popolare friulano tra + belli.

Ecco il video di Schiarazula Marazula

😎

ARBE GARBE

SU TUN PRÂT DI ROSIS

Non poteva avere conclusione migliore la manifestazione “Udine solidale” che si è svolta in Castello a Udine. Un gruppo gitano ha aperto il concerto di ieri sera con musiche della tradizione Rom tra cui una doina, il blues del Danubio, trascinante e piena di pathos. Ma il top della serata c’è stato quando sono saliti sul palco gli Arbe garbe (=erba amara) che sono riusciti a coinvolgere, con ritmi balcanici e un rock progressive , tutto il pubblico giovane e meno giovane. Dopo il concerto degli Area con Demetrio Stratos, ma parliamo degli anni ’70, non ricordo di aver partecipato ad un concerto così bello dove la gente balla dal’inizio alla fine del concerto con i musicisti che scendono dal palco per mescolarsi al pubblico e concludere una serata stupenda tutti insieme. A proposito la sezione fiati del gruppo è veramente troppo forte 😉
Un mandi a ducj !

😎