IL POZZO DI GRUPIGNANO

COSTRUITO NEL 1890

Dopo aver utilizzato per secoli l’acqua del vicino Natisone e quella derivata dalle rogge, alla fine dell’Ottocento gli abitanti di Grupignano, sobborgo di Cividale, decisero di costruire un pozzo per l’acqua potabile.
Nel 1887 il Comune di Cividale del Friuli fece progettare dall’ingegnere Giovanni Manzini il pozzo. Inizialmente si pensò di scavarlo nei pressi della Chiesa, ma, in seguito per servire un maggior numero di abitanti, si decise di realizzarlo al centro del borgo.
Il 20 gennaio 1889 si stipulava il contratto dei lavori con Domenico Zanetti di Cividale del Friuli: per la somma di lire 1538, egli si assumeva l’incarico di approfondire fino a 20 metri la canna del pozzo.
Il 21 giugno 1889 si raggiungeva la profondità di 15 metri, nel mese seguente si scendeva di altri 10 m. Il primo strato d’acqua si trovava a circa 24m, ma dopo tre giorni l’acqua scompariva, assorbita dal terreno.
L’opera di scavo era condotta da Antonio Juan detto Gallius, che in altri mesi di duro lavoro raggiunse, attraversando spessi strati di roccia, il secondo livello d’acqua a 57 metri. Il pozzo verrà completato con l’anello esterno del parapetto, la vera, su cui si innalzava il cimiero a sostegno della carrucola per far scorrere la corda con il secchio.
Ai primi di luglio 1890 il pozzo entrerà in funzione, ma in settembre essendo già asciutto verrà approfondito di altri tre metri permettendo all’acqua di sgorgare nuovamente alla temperatura costante di 11° C.
In seguito si scavò ancora, raggiungendo i 67 m e in questo modo la colonna d’acqua disponibile era mediamente di 1,85 m, con variazioni nel corso dell’anno da 70 cm a 3 metri.
Il costo finale ammonterà a 7261,25 lire.
Il pozzo di Grupignano, con i suoi 67 m, risulta il più profondo tra i 15 pozzi ( 8 pubblici e 7 privati ) censiti nel cividalese l’anno 1895.
Nel 1920 si inaugurò l’acquedotto Pojana e a Grupignano si collocarono diverse fontane pubbliche.
Nel 1922 il pozzo, non + necessario, sarà chiuso con un coperchio di cemento e nei suoi pressi si costruirà una scuola elementare rurale, che ne farà dimenticare l’esistenza e l’ubicazione.
Dopo ampie ricerche, l’Associazione Amîs di Grupignan lo ha scoperto e portato alla luce il 15 ottobre 2006, ricostruendo poi le sue parti mancanti nelle identiche forme del progetto originario.

Look at… the pictures ( at the bottom of the album 😉 )

Il pozzo di Grupignano a Cividale del Friuli

😎

COROT

IN DUT IL FRIÛL

In chescj dîs in Friûl nus àn lassât dôi personis une vore bulis. Une a jê Tito Maniacco artist, poete, leterât, storic furlan ch’à l’à scrit la nestre storie furlane. Di lui o ven voie di ricuardâ “I senza storia. Storia del Friuli” (1977-1979), “La patata non è un fiore. Vivere e morire da contadini” (1997). Ma ancje dôs operis indulà al fevele de so vite: “Mestri di mont” (2007) e “Figlio del secolo” (2008).
Che altre persone a jê Luca Vuerich, zovin alpinist furlan nassût a Glemone, ch’al viveve a Tarvis. Luca al jere clamât “il mâc de glace” e proprit parsore une pissande di glace intal mont dongje Kraniska Gora al è stât strissinât vie da une slavine. Nô o volìn ricurdâlu biel che rimpine ancjemò ator par i monts dal mont.
A ducj i dôi, mandi di cûr !

Look at... the Luca's site !

LA STORIE DAL FRIÛL

3 AVRÎL 1077

Al jere il 3 di avrîl 1077 cuant che a Pavie l’imperadôr Indrì IV al sancive la nassite de Patrie dal Friûl, come premi ae lealtât dal Patriarcje Siart che – intant de vuere civîl cuintri dal imperatôr – si veve schierât de sô bande. Pal Imperadôr, che i brusave inmò la umiliazion di Canosse, la poie patriarcjâl e jere stade fondamentâl par tornâ a afermâ il so podê e, par altri, il Patriarcje al jere un so vieri amì, jessint stât par tancj agns so cancelîr.

“Si costituive cussi – al spieghe il storic Giancarlo Menis te sô “Storie dal Friûl”- un vast e compat teritori che al veve di sotstâ ae uniche jurisdizion feudâl dal Patriarcje. Intune peraule al vignive fondât chel “principatus Italiae et Imperii”, politic-eclesiastic, che al sancive une realtât social za consolidade mediant di un lunc procès storic e che, di lì indevant, par trê secui e mieç, e varês unît, i furlans in formis simpri plui elevadis di vite-civîl”.

articolo tratto da Lenghe .net

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

lapatriedalfriul.org

Mensîl di informazion, politiche, culture, in lenghe furlane:
ogni mes al è dedicât a un gnûf argoment