POD LIPA

SOTTO IL TIGLIO

Sotto il tiglio si riunivano le comunità slovene. Nella loro tradizione il tiglio rappresenta l’albero della vita ma il tiglio che si trova di fronte alla chiesetta dei Tre Re a Prepotischis di Prepotto (UD) è caratterizzato da un robusto tronco che si dirama in tre rami quasi a ricordare il monte Triglav simbolo dell’identità slovena e del dio slavo a tre teste,Triglav, signore dell’aria, dell’acqua e della terra, e padre dei fulmini. La chiesetta, invece, è datata alla fine del XV sec ed è opera dei maestri artigiani della scuola di Skofia Loka.
In questa cornice si è svolta la 3^ edizione della Festa Medievale organizzata dalla Pro Loco Valli del Natisone, con la partecipazione di artisti, artigiani e contadini creativi, arcieri e musici.
Alle undici la messa ha coinvolto tutta la comunità slovena e si è conclusa con i canti del coro. I bambini intanto potevano divertirsi sul prato con il gioco della bala e dei cerchi mentre i grandi degustavano gli assaggi di pane e marmellata abbinati ad un ottimo spumante di sambuco o al liquore d’arance, una specie di Cointreau a 35° 🙂
Nel pomeriggio il gruppo dei Clamor et Gaudium ci intratteneva con il suono delle cornamuse e del tamburo interpretando dei brani di musica medievale tra cui Scaracjule Maracjule mentre gli arcieri cercavano di colpire i conigli e i fagiani finti.
Verso il tardo pomeriggio ci siamo tutti sistemati in cerchio attorno al fuoco e abbiamo potuto ascoltare ‘Manson’, nativo Navajo dell’Arizona, che ci ha parlato dell’importanza delle proprie radici, del legame con i propri genitori ed avi e del nostro rapporto con ogni cosa che ci circonda. Per il suo popolo la miglior medicina è un comportamento onesto perchè solo essendo sempre onesti con noi stessi possiamo stare in armonia con la natura e non ammalarci.
Manson ci ha anche raccontato del suo viaggio in Himalaya, la patria di tutto il popolo indiano, e del suo rapporto con la montagna. E di quando le altre cordate di alpinisti lo vedevano scalare da solo e gli chiedevano che tipo di allenamento avesse fatto. Allora ci ha spiegato che non aveva bisogno di un allenamento specifico perchè tutta la sua vita era stata una vita da guerriero e che il suo spirito era pronto ad affrontare le difficoltà.
Alla fine ci ha mostrato una semplice cerimonia attorno al fuoco dove le persone che vi partecipavano si presentavano dicendo il loro nome e il nome dei loro genitori, questo x dimostrare come sia molto importante, per il loro popolo, il legame con gli ascendenti.
Un incontro che ci ha fatto capire un po’ + da vicino la bellezza e la profondità del loro modo di vivere.
Ma la festa non è finita qui. Dopo c’è stato anche l’incontro con i contadini creativi. Il racconto delle loro esperienze ci ha fatto conoscere quello che stanno facendo x produrre biologico rispettando l’ambiente e lottando contro la burocrazia e l’ignoranza di alcune persone che ancora non riconoscono il valore del loro lavoro.

Mandi a ducj !

Look at… the pictures

 Le foto della Festa alla chiesetta dei Tre Re di Prepotischis

😎