Mostre dedeade a Harry Bertoia

Dae Nature al Segn

Wire Chair by Harry Bertoia (1948) “Dalla natura al segno” chest il titul de mostre dedeade al furlan, plui cognossût in Americhe dopo Carnera, Arieto ( Harry ) Bertoia, a cent agns dae sô nassite. La mostre si vierzarà sabide ai 7 di Fevrâr 2015 e larà indenant fintremai ai 29 di Març 2015 e e sarà logade in doi puescj: la Galarie Harry Bertoia a Pordenon e la cjase indulà al è nassût a S. Lurinç Darzin (Pn). Di fat nassût il 10 Març 1915 a S. Lurinç Darzin intune famee di contadins, al veve scuviert fin di frut la sô passion par la lavorazion dai metai divertintsi a fâ sculturis cun il fier intal cjast di cjase. Intal 1930 migrât cun il pari intai Usa e rivarà a coltivâ la passion par l’art frecuentant lis scuelis tant innomenadis di Detroit e di Bloomfield Hills. Po dopo e deventarà cognossût in dut il mont par i sôs lavôrs tant che designer, famose la sô cjadree Diamond in tondel di açal cromât. Cumò cualchiduna des sôs oparis si cjatin al Guggenheim di New York e intal Vitra Design Museum. Di plui la sô passion pe Nature, e in particolâr pe campagne furlane, lu puartarà a meti in vore des sculturis che a sunin cun l’aiar e a cjapin ispirazion dal sunôr de aiar intun cjamp di blave.
Noaltris o ven voie di ricuardâlu cun lis sôs peraulis:

L’uomo non è importante
l’umanità è ciò che conta, alla quale credo
di aver dato il mio contributo.
L’umanità continuerà anche senza di me
ma io non vado via, non vi lascio.
Ogni volta che vedrete le cime degli alberi,
mosse dal vento, voi penserete a me;
o se vedrete un fiore, penserete a me.
Non sono mai stato religioso, non in modo
formale, ma quando camminavo nel bosco
sentivo la presenza di una forza superiore
intorno a me.

Look at… the photos: Arieto Bertoia

Harry Bertoia, San Lorenzo d’Arzene, 10 marzo 1915 – Barto, 6 novembre 1978

Mandi di cûr !

Fuarce Friûl

sul puint e svintule bandiere zale/blu !

la patrie dal friul

Un bon proponiment par l’an che e ven al è chel di pandi la nestre identitât furlane, rivant ad ore a vinci la antighe vergogne di fevelâ la mari lenghe in public. Mi auguri che la int cuant che si cjate a scuele, par strade, intai lûcs publics e fasedi un piçul sfuarç e, cjapantle a pet, e feveli par furlan. Ma ancje che o tachin a lei e a scrivi par furlan. Si viodin ator dai libris di storie furlane indulà e je dome la jentrade par furlan, masse pôc par mantignî vive une lenghe, cuant e coventarès sedi scrivile sedi leile.
Nus fasarès ancje plasê che intai mass medie, come previodût de leç, a fossin plui spazis par il furlan. Cumò lu si scolte dome par Radio Onde Furlane e 30 minûts par la Rai regjonâl cuant che par altris lenghis minorizzadis i spazis a disposizion a son une vore di plui. Ma par meti in vore chest proponiment e bisugnarès puartâ la sede regjonâl de RAI a Udin e fâ in mût che i gjornaliscj a fossin di marilenghe furlane. Salacor no spindint cetancj bêçs par il teatri Verdi dal cjâf lûc cjarsulin, 14MLN di euros intal 2014, e invistint in culture furlane fuarte.
Une altre robe cetant triste a je stade la leç finanziarie de gnove zonte regjonâl che e gjave, magari cussì no, i finanziaments par l’insegnament dal furlan intes scuelis, lant cuintri dutis lis leçs di tutele dal furlan ma soredut pandint la politiche de çampe viers de lenghe e de identitât furlane. Par il 2015 il nestri proponiment e sarà inalore chel di domandà che il furlan e vegni doprât cetant che lenghe veicolâr intes scuelis dant la pussibiltàt a ducj di imparâ doprant la lenghe mari.
Ancjemò o vin di bataiâ par il non de nestre regjon. O vin voie che sedi dome Friûl. Parcè che un non al è cetant che cjalâsi intal spieli e viodi ce che o sin. E co o cjalìn intal spieli o viodin il Friûl nuie di plui e nuie di mancul. Par la cuâl lis peraulis Vignesie Julie no o rivìn ad ore a capì ce che e stan a fâ. Il podê di Vignesie al è finît da un toc, e ce che nus reste aromai a son dome i palaçs e par chel che al inten la peraule Julie, no si rive a cjatâ un segn intes cjartis gjeografichis. Par la cuâl o domandìn che la nestre regjon e sedi clamade Friûl e vonde.
Une altre riflession nus imponi chel che al è capitât in Friûl al Consorzi des Latariis Furlanis, che cumò al è passât di man deventant de Parmalat, e indulà si previôt che a laràn a cjase une vore di lavoradôrs. In Friûl a son aromai cetantis lis fabrichis che a sierin o a riduzin il numar dai dipendents tant che la situazion e devente simpri plui grivie par vie che cetancj lavoradôrs a àn un contrat a scjadince cun paiis une vore bassis. Si che duncje e sarès ore che la cuistion dal lavôr e vignedi cjapade sul seri mudant lis regulis dal zûc e dant la pussibilitât al sisteme di lâ indenant tignint front ae concorence e permitint a cui che al lavore di puartâ a cjase une paie buine par vivi.
Par di plui i sorestants a van ator a dîsi che a tegnin a la mont e che a fasaran alc par jê ma di fat a àn sierât il Tribunâl di Tumieç gjavant tancj puescj di vore e cumò a son daûr a sierâ ancje il prin socors di Glemone in graciis di une riforme sanitarie che e puarte a centralizâ cuasi ducj i servizis intal ospedâl di Udin bandonant i ospedâi di Latisane, Cividât e Glemone, magari cussì no.
O crodin che par i furlans e sedi dome une pussibilitât par saltâ fûr di cheste situazion cetant nereose, deventâ une regjon autonome cjapant a model la Catalogne indulà i catalans a àn a disposizion cetancj mass media inte lôr mari lenghe, e indulà ducj a fevelin par catalan.
E voaltris cuâi proponiments vêso fat pal 2015 ?

Fuarce Friûl !

BON FINIMENT E BON PRINCIPI A DUCJ !
e un an plen di fortune cun buine lune !

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

Bon finiment e Bon principi

😎

Fuarce Friûl

sul puint e svintule bandiere zale/blu !

la patrie dal friul

Un bon proponiment par l’an che e ven al è chel di pandi la nestre identitât furlane, rivant ad ore a vinci la antighe vergogne di fevelâ la mari lenghe in public. Mi auguri che la int cuant che si cjate a scuele, par strade, intai lûcs publics e fasedi un piçul sfuarç e, cjapantle a pet, e feveli par furlan. Ma ancje che o tachin a lei e a scrivi par furlan. Si viodin ator dai libris di storie furlane indulà e je dome la jentrade par furlan, masse pôc par mantignî vive une lenghe, cuant e coventarès sedi scrivile sedi leile in plui di fevelale.
Nus fasarès ancje plasê che intai mass medie, come previodût de leç, a fossin plui spazis par il furlan. Cumò lu si scolte dome par Radio Onde Furlane e 10 minûts par la Rai regjonâl cuant che par altris lenghis minorizzadis i spazis a disposizion a son une vore di plui. Ma par meti in vore chest proponiment e bisugnarès puartâ la sede regjonâl de RAI a Udin e fâ in mût che i gjornaliscj a fossin di marilenghe furlane. Salacor no spindint cetancj bêçs par il teatri Verdi dal cjâf lûc cjarsulin, 14MLN di euros intal 2014 cuant che ae Radio Onde Furlane a vegnin gjavâts 40.000 euros, e invistint in culture furlane fuarte.
Une altre robe cetant triste a je stade la leç finanziarie de gnove zonte regjonâl che e gjave, magari cussì no, i finanziaments par l’insegnament dal furlan intes scuelis, lant cuintri dutis lis leçs di tutele dal furlan ma soredut pandint la politiche de çampe viers de lenghe e de identitât furlane. Par il 2014 il nestri proponiment e sarà inalore chel di domandà che il furlan e vegni doprât cetant che lenghe veicolâr intes scuelis dant la pussibiltàt a ducj di imparâ doprant la lenghe mari.
Ancjemò o vin di bataiâ par il non de nestre regjon. O vin voie che sedi dome Friûl. Parcè che un non al è cetant che cjalâsi intal spieli e viodi ce che o sin. E co o cjalìn intal spieli o viodin il Friûl nuie di plui e nuie di mancul. Par la cuâl lis peraulis Vignesie Julie no o rivìn ad ore a capì ce che e stan a fâ. Il podê di Vignesie al è finît da un toc, e ce che nus reste aromai a son dome i palaçs e par chel che al inten la peraule Julie, no si rive a cjatâ un segn intes cjartis gjeografichis. Par la cuâl o domandìn che la nestre regjon e sedi clamade Friûl e vonde.
Une altre riflession nus imponi chel che al è capitât in Friûl ad un lavoradôr dal Consorzi des Latariis Furlanis, Giuseppe Bassi di Godie, cuant si è gjavât la vite, che altre dî, par vie di un futûr nereôs denant di lui, stant che il Consorzi al è daur a traviersâ une crisi e si previôt che a laràn a cjase un centenâr di lavoradôrs. In Friûl a son aromai cetantis lis fabrichis che a sierin o a riduzin il numar dai dipendents tant che la situazion e devente simpri plui grivie par vie che cetancj lavoradôrs a àn un contrat a scjadince cun paiis une vore bassis. Si che duncje e sarès ore che la cuistion dal lavôr e vignedi cjapade sul seri mudant lis regulis dal zûc e dant la pussibilitât al sisteme di lâ indenant tignint front ae concorence e permitint a cui che al lavore di puartâ a cjase une paie buine par vivi. Ma par cumò, dulà o vin di lâ par cjatâ lavôr ?
E voaltris cuâi proponiments vêso fat pal 2014 ?

Fuarce Friûl !

BON FINIMENT E BON PRINCIPI A DUCJ !
e un an plen di fortune cun buine lune !

«O ai cirût di volêi ben ae mê tiere furlane, part dal mont, e servintle jê o ai intindût di servî il mont intîr»
Pre Antoni Beline (1941-2007), testament spirituâl, 1992

😎

Pordenone Pedala 2013

ancje cun i patins a rodelis

A son lis vot e cuarante cuant o rivi in place Domo a Davian indulà e varès di partî la corse cun i patins fintremai a Pordenon, no viodint dinissun in place o domandi par sigurece ai agjents se a san alc de corse ma mi disin che salacor la partence e je a Montreâl. Di là a passin chei cun la bici che a fasin il zîr lunc ma mi somee che la partence par i skaters e sedi propit chenti, alore ringraciant o voi a viodi intal parcament e propit in chel moment o viôt rivà il Campa e chei dal Gru di Udin. Bon, il puest al è chel just! Ducj intune o lin intal bar Centrâl a cjoli alc che nus dedi une sveade. Aes dîs e trentecinc finalmentri, daspò ve spietât che a rivassin i patinadôrs che a fasevin il zîr lunc di 40 km, si va vie ducj daûr une machine tant che il furgon di chei dal Comine al siere il bisson. E jo o pues meti a tiere i miei 110 cjavai di potence ven a stai o pues provâ i patins par la corse, chei cun il cjaruç lunc made in roxa e o ai di dî che al è un biel cori ancje se bisugne vê une tecniche buine par menâju. Il timp al è biel ma al è un scjafoiaç di murî. O passìn denant de aeropuart militâr american, di dulà o sperin che a no si alcin sù avions par là a semenà dolôrs tor par il mont. Cuant che dopo une orete o rivìn intal parc Galvani di Pordenon indulà o podin distirâsi discolçs sul prât a bevi e a mangjâ alc.
O ringracii di cûr chei dal Skating Club Comina che come ogni an a àn curade dute la organizazion de corse dantnus un bon jutori e une biele ocasion par cjatâsi.
Un mandi ancje a ducj chei dal Gru par la biele zornade passade in compagnie e in ligrie.

Look at… the photos: Pordenone Pedala 2013

Pordenone Pedala 2013: maratonina con i rollers: le foto

😎

Val Colvera

settore only big

Mario Bruna (aka Murit) ha pubblicato una guida sulla palestra di roccia della Val Colvera, settore only big, di Frisanco (PN). La guida, non essendo stata pubblicata da una casa editrice, è disponibile su richiesta, contattatandomi vi posso fornire i riferimenti, oppure è reperibile presso la libreria Venier in piazza a Maniago.
Mario è venuto a mancare, proprio per un incidente nella palestra da lui realizzata nel 1987, lo scorso 22 giugno 2012 con grande eco nella comunità dei climbers.
Mandi di cûr !

Look at... Val Colvera page

😎

TRA FERRO

ED ARIA

Wire Chair by Harry Bertoia (1948) Questo il titolo della mostra dedicata al friulano + conosciuto in America dopo Carnera, Arieto ( Harry ) Bertoia, a trent’anni dalla sua scomparsa. La mostra si è conclusa nel settembre 2008 ed era allestita all’interno della sua casa natale. Nato a S. Lorenzo di Arzene ( PN ) nel 1915, in una famiglia contadina, ha scoperto ancora ragazzino la sua passione per la lavorazione del metallo divertendosi a fare sculture nel granaio di casa. Emigrato negli USA con il padre ha potuto coltivare la passione artistica frequentando prestigiose scuole a Detroit e a Bloomfield Hills. E’ noto in tutto il mondo per i suoi lavori come designer ( famosa la sua poltrona Diamond in tondino d’acciaio cromato ). Alcune sue opere sono esposte al Guggenheim di New York e e al Vitra Design Museum. La sua passione per la natura e, in particolar modo, per la campagna friulana lo porterà a realizzare delle sculture sonore che si ispirano al suono del vento in un campo di grano.
Il Museo Civico di Pordenone ha inaugurato il 23 maggio 2009 una grande mostra per ricordarlo. La mostra resterà aperta fino al 20 settembre.
Saranno documentati i rapporti umani e professionali di Harry Bertoia con Eero Saarinen, Charles Eames, Florence Knoll.

Noi lo vogliamo ricordare con le sue ultime parole:

L’uomo non è importante
l’umanità è ciò che conta, alla quale credo
di aver dato il mio contributo.
L’umanità continuerà anche senza di me
ma io non vado via, non vi lascio.
Ogni volta che vedrete le cime degli alberi,
mosse dal vento, voi penserete a me;
o se vedrete un fiore, penserete a me.
Non sono mai stato religioso, non in modo
formale, ma quando camminavo nel bosco
sentivo la presenza di una forza superiore
intorno a me.

Harry Bertoia, 9 ottobre 1978

Mandi di cûr !

LA LENGHE FURLANE

NO JE UN OPTIONAL !

e je de setemane lade (07.07.08) la decision de Consei comunâl di Pordenon di tirâsi fûr de aree là che si metarà in vore la gnove leç regjonâl su la lenghe furlane.
Daûr di cheste decision – al à spiegât il Sindic – a son massime dôs motivazions: une plui di stamp formâl, ven a dî la mancjance di un at formâl dal Comun che al domandàs la inclusion dal teritori inte aree furlanofone; e une plui sostanziâl, cu la preocupazion pai servizis previodûts de leç e pai lôr coscj. Il prin citadin di Pordenon al domande une revision de leç regjonâl sul furlan, orientade plui sui aspiets culturâi che no su chei dai servizis linguistics pai citadins. Par chest – al à zontât – no si podeve rimandâ il vôt di cheste delibare, che e vûl dâ un segnâl fuart ae Regjon par mendâ la leç.”

FURLANS FEVELAIT FURLAN CHE AL E’ ONÔR E NO VERGOGNE !

Fuarce Friûl 😉