La Cjase Medievâl di Cividât

…la cjase plui viele

Daspò i lavôrs di sistemazion, miercus ai 15 di Avrîl 2015, e je stade screade la Cjase Medievâl di Cividât cuntun incuintri li dal Munistîr di S.Marie in Vâl indulà il sindic Stiefin Balloch, la storiche Silvie Zambon e il responsabil de associazion Ambientarti di Cividât a àn fevelât dal progjet pe sistemazion de cjase e di cualis che a son lis ideis par gjestîle. Il sindic nus à contât di cemût che lis robis a son ladis indenant in timps une vore curts tant che il progjet presentât tal 2013 al è stât metût in vore intal Otubar dal 2014 e al è stât finît juste cumò rispietant lis tabelis. Cun di plui, il progjet di sistemazion e gjestion de cjase intal 2014 al à vinçût il prin premi intal Bant par “Progjets integrâts pubblic/privâts par la realizazion di servizis ricreatîfs e ativitâts culturâls, dentri dal Programe regionâl par il disvilup rurâl 2007/2013, Asse IV Leader”, inmaneât da Gal Tor Nadison. In chest mût il Comun al à podût finanziâ i lavôrs tant che la associazion Ambientarti si è ocupade di sistemâ i ambients didentri.
Par chel che rivuarde la storie de cjase, Silvie nus à contât che al è un studi, fat dal storic cividalês A. Tagliaferri intal ’80, indulà si dîs che forsit la cjase e jere tal prin une Tor, stant la sô forme cuadrade, e che dome daspò il riviel dal 1378, cuant al jere stât butât jù l’alt dal tor, e deventarà la cjase di un artesan. In ogni câs di sigûr si trate di un impuartanton manufat rivât fin ai nestris timps e che si cjate intun borc medievâl une vore biel e ben tignût.
Intes fotos si pues viodi ancje cemût a son stadis sistemadis lis stanziis. Al plan tiere si cjate la buteghe dal oresin e forsit sot e jere ancje une cjanive, al prin plan e je la cjamare di durmî e al secont plan e je logade la cusine, che e je la stanzie plui grande e indulà si cjate il caminet, chest par vie che plui curte e jere la fumarie e mancul pericul al jere che dut al cjapàs fûc. Po dopo, daûr de cjase si cjate un piçul curtîl cuntun porton ch’al dâ su chel altri androne.
Salacor cumò la cjase dute metude a gnûf cun chês pieris a viste e somee un pôc mancul ninine di prime ma, dut câs, o crôt che al sedi stât fat un bon lavôr e che la storie medievâl de nestre biele citât e vedi vût indaûr un toc une vore biel e une testemoneance uniche intal so gjenâr.

Look at… the photos: La Casa Medievale di Cividale

La casa medievale di Cividale

Mostre dedeade a Harry Bertoia

Dae Nature al Segn

Wire Chair by Harry Bertoia (1948) “Dalla natura al segno” chest il titul de mostre dedeade al furlan, plui cognossût in Americhe dopo Carnera, Arieto ( Harry ) Bertoia, a cent agns dae sô nassite. La mostre si vierzarà sabide ai 7 di Fevrâr 2015 e larà indenant fintremai ai 29 di Març 2015 e e sarà logade in doi puescj: la Galarie Harry Bertoia a Pordenon e la cjase indulà al è nassût a S. Lurinç Darzin (Pn). Di fat nassût il 10 Març 1915 a S. Lurinç Darzin intune famee di contadins, al veve scuviert fin di frut la sô passion par la lavorazion dai metai divertintsi a fâ sculturis cun il fier intal cjast di cjase. Intal 1930 migrât cun il pari intai Usa e rivarà a coltivâ la passion par l’art frecuentant lis scuelis tant innomenadis di Detroit e di Bloomfield Hills. Po dopo e deventarà cognossût in dut il mont par i sôs lavôrs tant che designer, famose la sô cjadree Diamond in tondel di açal cromât. Cumò cualchiduna des sôs oparis si cjatin al Guggenheim di New York e intal Vitra Design Museum. Di plui la sô passion pe Nature, e in particolâr pe campagne furlane, lu puartarà a meti in vore des sculturis che a sunin cun l’aiar e a cjapin ispirazion dal sunôr de aiar intun cjamp di blave.
Noaltris o ven voie di ricuardâlu cun lis sôs peraulis:

L’uomo non è importante
l’umanità è ciò che conta, alla quale credo
di aver dato il mio contributo.
L’umanità continuerà anche senza di me
ma io non vado via, non vi lascio.
Ogni volta che vedrete le cime degli alberi,
mosse dal vento, voi penserete a me;
o se vedrete un fiore, penserete a me.
Non sono mai stato religioso, non in modo
formale, ma quando camminavo nel bosco
sentivo la presenza di una forza superiore
intorno a me.

Look at… the photos: Arieto Bertoia

Harry Bertoia, San Lorenzo d’Arzene, 10 marzo 1915 – Barto, 6 novembre 1978

Mandi di cûr !

L’art dal riciclâ

a Manzan

Intai ultins agns a Manzan la crisi economiche e je stade cetant nereose, une vore di aziendis a àn sierât negozi, e i capanons indulà prin si lave a vore a son restâts vueits, ma no ducj. In cualchidun si fâs ancjemò alc di gnûf e innovatîf in graciis di personis che a àn savût creâsi une gnove ativitât. Livio Fantini e je une di chestis.
La sô vite i veve dât une grande capacitât di doprâ i imprescj di vore ma cumò dut e coreve il risi di pierdisi se no ves vût cûr di metîsi in zûc rivant a tirâ fûr il sô lât artistic. Cussì cuant che lu si incontre intal capanon, intal mieç de sôs sculturis, si capîs subite che si trate di un om plen di energje e voie di fâ. Di plui la sô sensibilitât ai problemis dal ambient lu àn puartât a sielzi di doprâ cetancj materiâi di recupar. Intal sô laboratori no si bute nuje e dut e cjate, planc plancot, une forme e un puest indulà stâ. Intal atelier a son in mostre lis oparis plui impuartantis, chenti si viôt une biele Venere furlane in len di cedri, dei cesens in amôr, dai pes in piere piasentine, une rapresentazion dal infinît in marmul e un biel leon in… tant che intal laboratori a son i bancs di vore e indulà si cjatin ancje dutis lis sculturis fatis cun i fruçons, ven a stai animâi, zûcs, anei e v.i. che si puedin viodi intes fotos.

Look at… the pictures: Livio Fantini Lab

 Look at... the pictures

:mrgreen:

Motîfs di riflession tor la famee

@ Buri – Udin

Il progjet SPAC e presente inte biele suaze de Vile Di Toppo Florio in vie Morpurgo 8 a Buri (UD), ae 19.30 di cheste sabide 01 di Març 2014, la mostre di arts visivis “Motivi di Famiglia” pe cure di Paoli Toffolutti. I zovins artiscj che a cjaparan part inte mostre a ciraran di frontâ il teme dal mudament de famee partint da chê patriarcâl par rivâ a chê fate di une sole persone, scrusignant il significât dai rûi di pari, mari e fi dentri di un gnûf concet di famee in cercje di dirits par lis cubiis di fat, i matrimonis jenfri lis cubiis dal stes gjenar e fintremai une comunitât slargjade, di fat une detule in Afriche e dîs che par fâ cressi ben un frut e covente dut il paîs. Aes 18.00, prin de scree de mostre, e sarà fate une babade sul teme cun diviersis personis, tant che, aes 20.00 e sarà un moment dedeât al bal contemporani cun la partecipazion dal trop Etoil3. Ae 20.30 si podarà viodi la mostre indulà si cjatin 125 oparis fatis da ben 45 artiscj, e daspò, par finî in bielece la serade, al sarà un licôf.
La mostre e larà indenant fin al 30 di Març 2014 e si podarà viodi intal orari sabide 16.00 – 19.00 , domenie 11.00-13.00, 16.00-19.00.
O sperìn che un teme cetant delicât e sedi frontât e disvilupât presentant ducj i ponts di viste par vie che dome cussì e vignarà stiçat un dibatiment culturâl cence prejudizis e une vore positîf pe dute le comunitât.
Mandi a ducj !

Mostra d'Arte: Motivi di Famiglia - Buttrio (UD)

😎

Fai marathon

… @ Cividât dal Friûl (UD)

Dal bielvedê sul Nadison la viste e je cetant biele, rivant a viodi il flum Nadison, il Puint dal Diaul e ancje il Borc Brossane, il borc medievâl di Cividât indulà e je logât il Munistîr di S. Marie in Val cun il Tempiut dai Langobarts. Domenie passade, 13 Otubar 2013, la maratone dal FAI e partive propit chenti par un zîr ator de citât a viodi i palaçs cun i lor zardins cetant sflandorôs, lis muris antighis e altris bielecis.
Palaç Paciani al jere la prime tape ( fotos 16 – 39 ). Il palaç non è tant ben mantignût e in plui al è dividût in dôs proprietâts ma il zardin cun il bielvedê sul Nadison e sul centri S. Francesc e merête une visite. Dongje dal palaç a si cjatin lis muris di Cividât indulà al è ancjemò ben visibil il fossâl e indulà a son stadis fatis lis rievocazions storichis ( fotos 40 – 44 ). Daspò caminat dilunc vie S.Lazzaro o sin rivâts ae biele glesiute di S.Giorgio in Vado (fotos 49 – 77 ) che e va indaûr ai prins agns dal XIII secul e che e faseve part di un antîc munistîr di muiniis agostinianis. Intal 1432 la badesse Antonie di Mugle scugnî bandonâ il munistîr. La storie de so partence e je une vore misteriose, cun di fat la badesse e jere restade di bessole cuntune fantate che la judave e cheste robe no plaseve ae glesie di Cividât ancje parcè si contavin des storiis no tant bielis intor di chel che e capitave dentri des muris dal munistîr. Bisugne savê che in che volte il puest al jere un lûc di passaç obleât par chei che a rivavin tart la gnot e no podevin jentrâ in citât, stant che lis puartis a vignivin sieradis aes dîs, o a rivavin cun i cjars e no podint passâ dilunc il puint dal Diaul, che e jere un piçul passaç di len, a scugnivin passâ par il vât, par la cuâl tante int si fermave al munistîr e la gnot e jere lungje… e cuissà ce che e capitave e soredut cuissà cetantis peteçs che si contavin. Come se nol fos avonde il munistîr e veve il pro dai cavalîrs teutonics che a passavin simpri a cjatale e la badesse ur dave la… benedizion. Alore il Cjapitul di Cividât al ordene ae badesse di bandonâ il munistîr ma je no ur scoltave, alore e ven clamât in cause il Patriarçât di Acuilee che i ordene di lâ vie ma ancje cheste volte je e fâs il cuc, alore e ven clamât in cause il pape che dome cun la seconde bole papâl e rive a parale vie ma la munie e rive ad otignî di lâ intal munistîr di Cividât. Un finâl che no crôt e vedi fat tant plasê a chei di Cividât che se la cjatarin in cjase tant che volevin parale vie. In ogni câs daspò des muiniis, intal 1451, a rivarin i fraris e cun di fat si cjate piturât inte glesie un biel S.Francesc. Intai fresc de glesie, une vore ruvinâts, si cjatin ancje cetancj cavalîrs che apartignivin al ordin dai teutonics. Ma… al è ancje piturât un cavalîr, Thomas Becket, inglês, e no si capîs cemût al jere adun cun chei de Gjermanie. Dongje de glesie a si cjate ancje un zardin une vore curât e un ort coltivât in mût naturâl adun cuntun osservatori astronomic (foto 60 ). La cjaminade e va indenat dilunc il puint gnûf, e passe dacìs des muris rivant al mulin a aghe, cumò mudât in cjase dai alpins ( fotos 78 – 88), e passe pe place S.Francesc e rive al palaç Bonessa cuntun splendit bielvedê sul Nadison e sul puint dal Diaul (fotos 91 – 101) par finî in plaçute S. Biagio indulà e jere la fieste des cocis.
Mandi a ducj !

Look at… the photos: FAI Marathon 2013

FAI Marathon 2013 a Cividale del Friuli

😎

Arte a KM zero

1^ expo d’arte sostenibile

Dal 31.05.2013 al 29.06.2013 presso il Teatro Palamostre di Udine c’è la mostra “ARTE KM ZERO” ovvero la 1^ Expo d’Arte sostenibile. 80 le opere esposte da artisti di Udine e dintorni con materiali di riciclo e recupero. Oltre alla mostra ci sono laboratori x bambini, incontri con gli artisti e gite a km variabile.
Domenica, 23.06.2013, c’è stata la gita a Cividale del Friuli con la visita all’atelier dell’artista Giorgio Benedetti, che realizza molte delle sue sculture ispirandosi alla natura e utilizzando materiali presi in loco. Un artista molto apprezzato in Germania e in Austria ma forse ancora poco conosciuto in Friuli, tanto x non smentire il detto nemo profeta in patria. Il suo attuale laboratorio si trova all’interno di una corte a Cividale e il fabbricato, ora ristrutturato, era un ex fienile. Una bella coincidenza xk anche quando era a stare sul Matajur lavorava in un ex fienile. Questo testimonia il suo forte legame con l’ambiente rurale, la natura ma anche la sua volontà e capacità di recuperare dei manufatti locali di notevole valore. Giorgio ci ha raccontato di come il Matajur, che ora appare brullo, non lo fosse sempre stato. Infatti, forse pochi lo sanno, era ricoperto da castagni e faggi fino a quando la Repubblica di Venezia non ha deciso di utilizzarli x le costruzioni e x le carbonaie. Per cui i friulani non solo hanno dovuto subire il dominio politico dei veneti e la loro colonizzazione linguistica ma anche la distruzione dell’ambiente.
Nel pomeriggio il giro è continuato con la visita all’azienda agricola “Ronco Albina” di Spessa dove Marco ci ha parlato della sua attività di giovane coltivatore e dell’attività svolta con la fattoria didattica e il B&B.
Una giornata molto interessante passata tra arte e natura e dove non sono mancate le emozioni.

Look at… the photos: Arte KM zero a Cividale del Friuli (UD)

Look at... the photos: Arte a KM zero @ Cividale del Friuli (UD)

😎

Lavoro work vore

@ Buttrio (UD)

Giovani artisti si confrontano con il tema del lavoro.
La mostra di arti visive “Lavoro work vore“, organizzata da “Neo associazione culturale”, resterà aperta fino al 31 Marzo 2013 nella Villa di Toppo Florio a Buttrio (UD).

Look at… the photos: Work @ Villa di Toppo Florio – Buttrio (UD)
look at… the movie: Registratore a bobine Geloso

Lavoro Work Vore - @ Buttrio (UD)

VIDONI

MOSTRA ANTOLOGICA

Luigi Vidoni è un pittore che vive e lavora a Cividale del Friuli. Nato a Tolmezzo il 15.06.1915 ha frequentato la Scuola d’Arte di Tolmezzo e il biennio all’Accademia Cignaroli di Verona. Ha una particolare predisposizione per la tecnica ad acquerello, come testimoniano le numerose opere presenti alla mostra antologica presso la Chiesa di Santa Maria dei Battuti a Cividale dove i lavori resteranno esposti fino all’11 marzo 2012. Oltre agli acquerelli molto belle sono le icone votive, realizzate utilizzando le tecniche proprie di quest’arte. Nella mostra sono presenti anche lavori in ceramica e in creta a testimonianza della polivalenza di un artista che giovanissimo ( 1935 ) vinse a Udine il premio per l’affresco.

LUIGI VIDONI - mostra antologica 1931_2012 @ Cividale del Friuli

😎

EMOZIONI

@ CIVIDALE DEL FRIULI ( UD )

Si conclude oggi la mostra “Emozioni” dell’artista friulano Antonio Zucchiatti presso la Chiesa di S.Maria dei Battuti a Cividale del Friuli ( UD ).
“Il mio sogno è riuscire a trasmettere a tutti quello che provo, le mie idee, le mie sensazioni, le emozioni. Sono quello che bussa alla vostra porta e timidamente chiede il permesso di emozionarvi…”
A me sembra che ci sia riuscito molto bene 😉

Legenda quadri:
1- Euforia 0′:34 ( si può vedere nel filmato al minuto 0 e 34 secondi )
2- Nel Bronx 0′:42
3- Ricreazione 0′:50
4- Al mercato di Atene 0′:58
5- Autoritratto 1′:00
6- Partita di calcio 1′:03
7- Il mondo piange 1′:47

Look at... the movie: EMOZIONI - mostra d'arte di Antonio Zucchiatti 2012

😎

I PERSONAGGI DI ANZIL

A CENT’ANNI DALLA SUA NASCITA

Nassût intal 1911 a Monaco di Baviera, Giovanni Toffolo clamât Anzil al ere di gjenitôrs furlans tant che intal 1916 al torne in Friûl a Tarcint. Al discuvierç le so passion par piture cuant al incuintre Fiorenzo Tomea, pitôr venit, dulinvie pal servizi militâr. Al tache dipenzint rosis, naturis muartis e paisaçs e intant de vuere, cuant che al ere partesan, al madurìs une gnove sensibilitât par lis soferencis de int, deventant un precursôr dal neorealisim. In chest periodi ( 1946 – 1956 ) dipenzarà “La famiglia del licenziato“, un dai so miôr lavôrs. ( Lu si viôt intal video al minût 01:04” )

Look at… the movie: “I personaggi di Anzil

Look at... the movie: I personaggi di Anzil @ Cividale del Friuli

😎

I MAESTRI DEL NOVECENTO

@ CIVIDALE DEL FRIULI (UD)

Dal 22 Dic 2011 al 18 Mar 2012 a Palazzo de Nordis, in piazza Duomo a Cividale del Friuli, sarà aperta la mostra “I Maestri del Novecento“, la rappresentazione della figura umana in Friuli venezia Giulia.
“L’uomo e la sua rappresentazone sono da sempre al centro del pensiero degli artisti che, nel Novecento, hanno vissuto questa tematica in maniera viscerale partendo dai canoni del reale per poi approdare a raffigurazioni che si collegano alle profodità del pensiero e dell’anima.”
La mostra completa il ciclo sul Novecento iniziato lo scorso anno con la mostra “Maestri del Paesaggio” e coinvolge autori di diverse generazioni arrivando fino alle tendenze contemporanee presenti in regione.

Look at… the movie “I MAESTI DEL NOVECENTO @ Cividale del Friuli (UD)”

Mostra d'arte: I Maestri del Novecento @ Cividale del Friuli (UD)

😎

TEMPIETTO LONGOBARDO

PATRIMONIO DELL’UNESCO

Cividale del Friuli, il 25 giugno 2011, è stata inserita nella lista dei siti che fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco grazie alla bellezza artistica dell'”Oratorio di Santa Maria in Valle”, e alla sua storia longobarda.
Nel video il professore Londero racconta la storia del Tempietto Longobardo, un manufatto architettonico di oltre 1400 anni che ha resistito al terremoto del 1976 quando la parete, dove si trovano gli stucchi, miracolosamente non è crollata.

Look at… the pictures

😎

PALIO di SAN DONATO 2011

… @ CIVIDALE DEL FRIULI

Il 19-20-21 Agosto 2011 si è svolto a Cividale del Friuli il Palio in onore del patrono della città, San Donato. E’ una tradizione antica, iniziata nel XIV sec, durante la quale tutta la città viene catapultata nel medioevo tra il 1200 e il 1300. Nei borghi si rivive l’atmosfera di quei tempi, in cui abili artigiani lavoravano il legno, la lana, il cuoio, la pietra, i metalli e le pietre preziose e la gente si ritrovava la sera nelle taverne. Durante il Palio i 5 Borghi si sfidano in due gare, la corsa e il tiro con l’arco. Anticamente alle gare vi partecipavano anche cittadini di altre città o castelli e ci si sfidava anche nella corsa con i cavalli. Il momento + coinvolgente è il Corteo che la domenica mattina sfila x le vie del centro e vede impegnati molti cividalesi ad interpretare i nobili e i popolani del medioevo. Ma il momento + suggestivo è la sera quando nelle stradine illuminate dalle candele e circondate dalle antiche mura si respira l’aria di un tempo che sembra non lasciare mai la nostra cittadina in riva al Natisone.
“Il 20 agosto 1368 la magnifica Città di Cividale, decretava che il Palio di San Donato si ripetesse “in perpetuo” confermando così l’importanza della manifestazione per il prestigio della Città, decisione riconfermata nel 1408.
Il Palio si ripete fino al 1797 quando, secondo la tradizione, s’interruppe per l’occupazione napoleonica. Si volle così, nel 2000, ridare vita al Palio e, trattandosi appunto di una rievocazione storica più che secolare, è stato deciso di collocarla nella seconda metà del XIV° secolo, nel periodo in cui governò il Patriarca Marquardo von Randeck (1368-1382). Questo, infatti, è uno dei periodi più significativi del Patriarcato e del Friuli. Il Patriarca Marquardo diede, infatti, un nuovo ordinamento al suo potentato con le “Constitutiones Patriae Forojulienses” che restavano in vigore anche dopo il passaggio del Patriarcato a Venezia.
Il Palio si tiene nel fine settimana più vicina al giorno di San Donato che cade il 21 agosto; attualmente, consiste nelle gare pedestri e di tiro all’arco e balestra.
La competizione si svolge tra i cinque borghi storici entro le mura della città, che sono:

Borgo Duomo: con i colori e stemma della nobile famiglia De Portis;
Borgo Brossana: con i colori e stemma della nobile famiglia Formentini;
Borgo San Domenico: con i colori e stemma della nobile famiglia Canussio
Borgo San Pietro: con i colori e stemma della nobile famiglia Boiani
Borgo di Ponte: con i colori e stemma della nobile famiglia Conti.

stemma Borgo Duomo stemma Borgo Brossana stemma Borgo San Domenico stemma Borgo San Pietro stemma Borgo Ponte

Il Palio è vinto dal Borgo che ottiene più punti con la sommatoria della gara pedestre e quella dell’arco. Il Borgo vincente conserva il Palio costituito da un gonfalone con la figura del Santo, nella Chiesa del proprio Borgo.”
Il sito dedicato è paliodicividale.it

LOOK AT…
1- the pictures about Palio di San Donato 2011
2- the movie PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli

click on the photo to view the movie ->

PALIO di SAN DONATO 2011 @ Cividale del Friuli - Nord-East of Italy

😎

ART DILUNC DAL FLUM

NADISON

In tal claustri dal munistîr S.Maria in Valle a Cividât al si pues viodi le mostre “I caprioli di Stella”, ven a stai lis sculturis in len dal artist Pier Paolo Zanussi. Il len doprât al è chel dal mont Stella di Tarcint. Lis oparis si podaran viodi fin tramai il 30 di Zenâr.

Par viodi lis fotos frache le fotografie chi sot

Arte lungo il Natisone @ Cividale del Friuli

😎

MAESTRI DEL PAESAGGIO

Protagonisti del Novecento in Friuli

Resterà aperta fino al 27 Febb 2011 la mostra d’arte “Maestri del Paesaggio” a Palazzo de Nordis in p.zza Duomo a Cividale del Friuli. Palazzo de Nordis, ristrutturato alla fine degli anni ’90, ritorna così ad ospitare una mostra prestigiosa dopo essere rimasto inutilizzato x quasi dieci anni.
Le 70 opere esposte costituiscono un’interessante carrellata che partendo dagli anni ’20 racconta come gli artisti friulani hanno interpretato la nostra terra. Non mancheranno di colpire il visitatore le opere di Afro Basaldella, Zigaina, Ceschia, Colò, Poz, Dora Bassi.
Personalmente ho trovato stupendo il quadro di Zigaina “Verso la laguna” dove il pittore rivela la sua vena fantasiosa e creativa nell’interpretare la laguna di Grado.
L’ingresso alla mostra è gratuito.

Cliccando sull’immagine si possono vedere le foto della mostra:

Maestri del Paesaggio - le foto della mostra a Cividale del Friuli

😎

LIBRO D’ARTISTA

BESLAN – IL DOLORE DI UN POPOLO

Continua a Cividale del Friuli nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti di Borgo di Ponte la mostra di Loretta Cappanera LIBRO D’ARTISTA ( 25 sett17 ott 2010 )
L’artista cividalese espone alcune sue realizzazioni tra queste il dipinto “Beslan” dedicato alla strage in Cecenia nel 2004. Ma la mostra è centrata sul Libro d’Artista, il lavoro a cui lei dedica la sua attività da molti anni, che lei definisce così:
“Se il libro d’artista è un filo, gli artisti del libro hanno abili mani per tessere galassie cosmiche dove pagine come stelle donano luce agli uomini” . “Il libro d’artista è per me opera creativa autonoma, luogo d’ascolto di sé e dell’altro diverso da sé, stanza della memoria e del ricordo personale a volte intimo, ma anche testimonianza che dà voce a chi non ha voce”.
Dalle copertine dei libri traspare una grande sensibilità alla poesia ma anche al tema della sofferenza degli ultimi.

Libro d'artista: Loretta Cappanera - le foto